/ Attualità

Attualità | 04 maggio 2021, 11:36

“Ripartiamo dalla bici, ripartiamo dalla sicurezza": a Vercelli e Crescentino il tour di Paola Gianotti

In Italia muore un ciclista ogni 35 ore: venerdì mattina inaugurazione dei cartelli sulla sicurezza nei sorpassi

“Ripartiamo dalla bici, ripartiamo dalla sicurezza": a Vercelli e Crescentino il tour di Paola Gianotti

Venerdì 7 maggio Vercelli ospiterà Paola Gianotti la sportiva che detiene 4 Guinness World Record. L’atleta era partita l’8 marzo 2014 per il suo primo giro del mondo in bici conquistando un enorme traguardo: 29.430 km in 144 giorni, un record da guinness dei primati come donna più veloce ad aver circumnavigato il globo. Da quel tempo hanno caratterizzato la sua esistenza numerose imprese, sempre in bici. Nel 2018/2019 ha anticipato, di un giorno, tutte le tappe dei professionisti del Giro d’Italia, pedalando in qualità di testimonial della campagna sulla sicurezza stradale "Io rispetto il ciclista", ideata con Marco Cavorso, il padre di Tommy, il ragazzino ucciso da un’auto durante un allenamento in bicicletta.

«Siamo orgogliosi di ospitare Paola Gianotti – dice il sindaco Andrea Corsaro – Vercelli è molto sensibile al tema della sicurezza stradale dei ciclisti, la pista ciclabile è utilizzata da moltissimi vercellesi».

Ultima delle sue imprese il "Giro delle Regioni 2021-2022: ripartiamo dalla bici, ripartiamo dalla sicurezza". La campagna ha tra gli obiettivi il rilancio del territorio e del turismo, la promozione di una mobilità sostenibile e l’incentivo all’utilizzo della bici, inoltre vuole coinvolgere le amministrazioni comunali, trasmettere energia e voglia di ripartire. In particolare saranno istallati cartelli stradali con lo scopo di ricordare agli automobilisti la prudenza alla guida nei confronti dei ciclisti, che devono essere superati mantenendo una distanza di sicurezza minima di un metro e mezzo: in Italia, infatti, avvengono ancora moltissimi incidenti che coinvolgono i ciclisti in fase di sorpasso e, secondo le statistiche, muore un ciclista ogni 35 ore. La campagna nasce con l’idea di sensibilizzare gli automobilisti per una guida e un sorpasso sicuri a un minimo di un metro e mezzo di distanza dell’automobilista rispetto al ciclista attraverso l’installazione di cartelli di avviso lungo le strade, contribuendo a migliorare il livello di convivenza tra utenti della strada differenti per mezzo dell'effetto informativo e culturale che i cartelli hanno indiscutibilmente verso l'utente della strada in altri paesi europei ed extra europei.

«A Vercelli accadrà proprio questo, siamo molto soddisfatti – spiega l’assessore Mimmo Sabatino – alla presenza di Paola Gianotti, verrà apposto un cartello, in via Trino, in uscita dalla città, venerdì alle ore 9,30, con lo scopo di segnalare la distanza di sicurezza auto-bici. Sarà un gesto significativo per la città e per il mondo del ciclismo vercellese».

Inoltre Vercelli darà il benvenuto al Giro d’Italia, che passerà in città domenica 9 maggio, con uno striscione di 150 metri con la scritta “Vercelli saluta il Giro d’Italia”, e via Viviani, che è sul percorso di gara, sarà addobbata di bandiere.

Nella medesima mattina, alle 9 circa, il tour farà tappa anche a Crescentino, al Parco Tournon dove saranno inaugurati i medesimi cartelli stradali che verranno apposti agli ingressi principali del Paese. «Siamo molto orgogliosi di aver aderito a questo progetto – hanno commentato il sindaco Vittorio Ferrero e l’assessore allo sport Nino Dispoto – perché siamo fermamente convinti che la sicurezza stradale verso questa forma di mobilità sostenibile sia fondamentale. Inoltre riteniamo che questo sia un modo per essere vicini a tutti i ciclisti di Crescentino, amatoriali o professionisti, sensibilizzando tutti gli automobilisti a prestare particolare attenzione alla guida quando li incrociano per le strade».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore