/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 21 gennaio 2023, 19:00

Paci, Comi, Della Morte commentano la vittoria

«Grande, importante, sofferta vittoria. Adesso pensiamo alla partita contro il Novara

Paci

Paci

Massimo Paci finalmente soddisfatto per i tre punti ritrovati: "Abbiamo disputato un'ottima partita sotto entrambe le fasi di gioco. Vittoria meritata. Buon primo tempo, grande partenza dopo il 2-0 siamo stati bravi a mantenere l'equilibrio. Anche l'approccio nella ripresa è stato buono, anche se sul primo tiro in porta degli avversari abbiamo subito il gol. Una situazione che dovremo valutare con attenzione, perché abbiamo complicato un incontro che, dopo il primo tempo, avevamo in controllo. Non possiamo soffrire in questa maniera fino al 95' anche se, sul 2-1 abbiamo creato ancora diverse situazioni pericolose".
Paci analizza poi il cambio di modulo: "Il nuovo sistema era dovuto alla volontà di avere più compattezza, abbassando gli esterni con giocatori come Iezzi che ci potevano garantire equilibrio e dare spinta nelle ripartenze. Ma non credo che la vittoria sia frutto del cambio di modulo, ma della voglia della squadra di conquistare i tre punti. Il merito è tutto loro. Durante la settimana hanno lavorato bene e si sono caricati sapendo l'importanza del match. Abbiamo capito che, siamo questi possiamo fare bene, per questo dovremo mantenere questo livello d'intensità. Perché questa vittoria deve avere un seguito. E la mente dev'essere già rivolta al prossimo match>2.

Ovvero il derby con il Novara. Dove la Pro arriva con una vittoria ritrovata grazie ancora una volta alla coppia Della Morte-Comi: "Abbiamo creato molto e segnato due gol. Gli attaccanti si sono sacrificati anche in fase di rientro".
Un successo accolto con entusiasmo dalla squadra: "Un'esultanza che è stata la fotografia della sofferenza vissuta non solo durante l'incontro, ma in questo periodo. Abbiamo ricevuto critiche anche eccessive, perché pur perdendo tre partite, le prestazioni ci sono state. Ovvio che perdere non piaccia a nessuno. Ecco perché a fine partita i ragazzi hanno liberato lo stato d'animo attraversato in questo momento negativo. I tifosi ci hanno dato un grosso aiuto, ma siamo noi con il nostro atteggiamento a dover trascinare il pubblico".


Gianmario Comi con il 2-0 ha dato tranquillità alla Pro nella sfida con la Triestina: " E' stato un gol pesante e sentito, perché dovevamo assolutamente vincere. Così ci possiamo preparare in maniera più determinata a una partita sentitissima dalla squadra e dai tifosi: il derby con il Novara. Per questo siamo arrivati al match con la Triestina caricati. Per me è stata una partita particolare: ero reduce da un pestone all’alluce che non mi ha permesso di allenarmi al meglio; poi nel riscaldamento ho avuto qualche problema al flessore. Insomma, ho "giocato" più a livello mentale che fisico. Rispetto alle ultime gare abbiamo dato tutti qualcosa in più. L’atteggiamento ha fatto è stato determinante: tutti ci siamo messi a disposizione degli altri. Un grazie ai tifosi: nonostante arrivassimo una fase negativa, non hanno mai fatto mancare il loro sostegno. Mi auguro che anche a Novara ci seguiranno in molti. Della Morte? Per me è come un fratellino. C'è intesa che va oltre il campo. Spero rimanga alla Pro Vercelli a lungo, ma sono sicuro che potrà ambire a una grande carriera."


Per Matteo Della Morte un altro eurogol che ha spianato la strada al successo contro i rosso alabardati: "Contentissimo per la mia rete ma, soprattutto, per il ritorno alla vittoria. Dopo tre ko il momento non era semplice. Abbiamo dato una grande risposta vincendo una partita che era importante per l'intero ambiente. Ci siamo sacrificati sia in fase di possesso,, dove abbiamo qualità che senza palla. Ma dovevamo dare tutti il massimo perché dovevamo conquistare i tre punti. Al di là del 2-1 abbiamo disputato un ben primo tempo; dopo il loro gol è subentrata un po' di tensione, ma abbiamo tenuto bene concedendo poco alla Triestina". Con la rete ai giuliani Della Morte ha raggiunto quota dieci in campionato: "A livello personale, devo dare più continuità alle prestazioni, perché a volte calo un po'. Voglio dare di più. Dieci gol? I numeri non li guardo troppo. Penso a far bene e mi auguro di continuare in questa maniera, visto che entriamo nella fase cruciale della stagione".

Piermario Ferraro

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore