/ Cronaca

Cronaca | 04 gennaio 2021, 17:10

Il Covid uccide un altro medico di famiglia: addio a Giovanni Canavero

Aveva 66 anni e da tempo era ricoverato all'ospedale Sant'Andrea. Decine di ricordi commossi rendono omaggio alla memoria di un uomo e un professionista di valore

Giovanni Canavero aveva 66 anni

Giovanni Canavero aveva 66 anni

Il Covid porta via un altro stimato medico di famiglia: nel pomeriggio di lunedì 4 gennaio è spirato, al Sant'Andrea, il dottor Giovanni Canavero. Aveva 66 anni (era del 1954, a febbraio ne avrebbe compiuti 67) e anche lui da tempo era stato colpito dal virus che, in questa seconda ondata, ha purtroppo mietuto vittime anche tra i professionisti della salute.

Canevero, che aveva lo studio in viale Rimembranza, lascia una figlia, a sua volta medico, e un grande vuoto tra gli amici, i pazienti e le persone che ne hanno apprezzato le qualità professionali e umane: per anni consigliere dell'Ordine dei Medici, era tesoriere della Federazione Medici di Medicina Generale. 

«Un bravo medico, un punto di riferimento e una persona sempre disponibile», ricordano sui social gli assistiti, testimoniando la stima per un professionista apprezzato e conosciuto.

Un lutto, quello per il dottor Canavero, che sta coinvolgendo anche diversi centri della cintura di Vercelli.

«Giovanni sapeva farti sorridere anche nei momenti di sconforto. Era una vera istituzione nel mondo agricolo e non solo. A nome di tutta la comunità Asiglianese vanno le più sentite condoglianze alla famiglia», scrive in un post la sindaca di Asigliano, Carolina Ferraris.

E l'ex consigliere provinciale Roberto Nascimbene ricorda: «Quando succedeva di incontrarsi in città o in ospedale ci fermavamo sempre a scambiare due parole. Porterò con me un bel ricordo della tua persona; la tua simpatia, la tua ironia, la tua vercellesità. Mi spiace proprio tanto. Condoglianze alla famiglia».

«Sei sempre stato persona disponibile, cordiale - ricorda in un post il collega Sergio Macciò -. Avevi sempre una parola buona: non ti dimenticheremo e non dimenticheremo il sacrificio tuo, di Franco e Luciano. Il sacrificio di chi non si è tirato indietro. L’Ordine saprà ricordarvi con gesti concreti».

Molto toccante il ricordo di Pier Giorgio Fossale, ex presidente dell'Ordine dei Medici, che con Canavero aveva condiviso anche gli anni del liceo classico. Pubblicando una foto scattata 50 anni fa di loro due, giovani studenti in gita a Roma, Fossale scrive «ll mio cuore ti piange disperato, amico carissimo... Il tuo sorriso... Un sorriso zampillante come acqua di fonte non lo dimenticherò mai… è il sorriso di chi lotta, di chi ama la vita…e tu la vita l’hai amata fino all’ultimo giorno! E quel tuo viso largo e grande come la tua generosità e la tua dolcezza.... Oggi davvero la campana suona nell'anima mia e in quella di tutti i colleghi... Non ho più parole... Solo lacrime... Ciao Giuanon».

La morte di Canavero, che apre mestamente questo 2021, arriva a poche settimane da altri due lutti che hanno colpito la categoria: la seconda ondata del virus aveva infatti già causato il decesso del dottor Luciano Bellan e del collega Franco Barillà.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore