/ Cronaca

Cronaca | 21 gennaio 2022, 06:01

Sfondano la porta e occupano un alloggio delle case Atc

La lettera: «Gli inquilini dello stabile hanno cercato di opporsi ma Atc non interviene e noi ora abbiamo paura». Il caso non sarebbe isolato

Sfondano la porta e occupano un alloggio delle case Atc

Hanno sfondato una porta e preso possesso di un alloggio nello stabile Atc di via Galilei 3 tra lo sconcerto degli anziani residenti nel palazzo che, hanno inutilmente cercato di opporsi all'occupazione abusiva.

A rendere nota la vicenda è una lettera-denuncia inviata ai mezzi di informazione: tre persone, apparentemente stranieri, hanno sfondato l’ingresso di un alloggio, scardinando, con numerosi colpi, la porta di ingresso.

Gli inquilini, avanti con l’età e precari di salute, hanno affrontato come potevano i tre, telefonando più volte, esattamente 4, all’ufficio Atc di Vercelli, senza ricevere alcuna risposta. Quando si sono rivolti agli uffici di Novara si sono sentiti dire che la competenza è vercellese, mentre le forze dell'ordine non sono intervenute perché la segnalazione doveva essere fatta dall'ente gestore, ovvero l'Atc.

«Praticamente un menefreghismo assoluto -, sottolinea, amareggiato, l'autore della lettera -. Con tutta calma, gli abusivi, hanno messo un lucchetto alla porta dell'alloggio, magari in attesa di ammobiliarlo, ed entrarci con tutta calma. Intanto Atc non dice e fa niente e le forze dell’ordine li seguono per nodi burocratici di competenza. Gli inquilini, invece, hanno paura e sono esasperati di un ente che non fa quanto deve e se fa opera male». 

Il caso avvenuto giovedì mattina, non sarebbe, per altro, isolato: solo tre settimane fa, gli inquilini del civico 1 di Largo Chatillon, stabile facente parte dello stesso complesso, hanno messo alla fuga figure estranee che si aggiravano nell’androne.

Davvero questo tipo di prepotenza e illegalità può essere tollerata senza alcun tipo di intervento?

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore