/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 07 agosto 2020, 09:50

Pro Vercelli: Obiettivo la B in due anni. Ma da dove arriveranno i nuovi proprietari?

Alex Casella, nuovo ds: «Questa è una delle piazze più importanti d’Italia. Entrare in questo stadio fa venire i brividi» - L'applauso più lungo per Massimo Secondo - Gilardino verso la riconferma

L'avvocato (direttore sportivo) Alex Casella, alla sua prima conferenza stampa in casa Pro

L'avvocato (direttore sportivo) Alex Casella, alla sua prima conferenza stampa in casa Pro

Doveva essere la conferenza stampa del passaggio delle consegne, ma così non è stato.

L’avvocato Alex Casella (con lui alcuni amici e la moglie Anita) ha detto cose belle. Importanti. Ma non ha svelato i nomi di coloro che hanno acquistato la Pro Vercelli. « Presidente e AD li stiamo definendo. La cordata sarà formata da due, tre persone» ha detto. Stop.

Due o tre? Chissà.

A una domanda, Casella non ha risposto. Questa. Può dirci se i nuovi acquirenti saranno imprenditori del nord? La “non risposta” – ci chiediamo – potrebbe significare l’entrata in società di persone di altre regioni, magari del sud? Sud, nord o centro che sia il progetto illustrato da Casella ha avuto un connotato preciso, quello della voglia di fare.

Toccanti le prime parole dell’avvocato-direttore sportivo: «Questa è una delle piazze più importanti d’Italia. Entrare in questo stadio fa venire i brividi. L’obiettivo è quello di costruire una squadra valida, così da puntare alla serie B nell’arco di un biennio» ha detto Casella.

Poi. «Ci sarà una collaborazione stretta con il Gozzano, per far sì che i migliori giovani arrivino alla Pro. A Vercelli, con me, ci sarà E ci sarà una collaborazione anche con il Crotone, anche per l’amicizia che mi lega a Raffaele Vrenna. Dal momento che il campionato inizierà il 26 settembre, la nostra idea è di cominciare il raduno il 18 di agosto»

Nove su dieci (ma forse dieci su dieci) l’allenatore della Pro Vercelli sarà ancora Alberto Gilardino. «L’unico che abbiamo contattato. L’anno scorso ha fatto bene, ci siamo incontrati ieri, vedremo…».

E infine. «In questa città si respira un attaccamento importante da parte dei tifosi, i risultati si ottengono anche grazie all’ambiente».

Ed è stata la conferenza d’addio di Massimo Secondo (accompagnato da Jose Saggia). Che, giustamente, ha citato tutti i suoi collaboratori per ringraziarli.

«Questa è la mia ultima conferenza stampa, ma resterò un tifoso e uno sponsor della Pro. Doveva arrivare la parola fine: lo dovevo alla mia famiglia, alla quale, in questi dieci anni, ho sottratto troppo tempo.»

Dalla sala strapiena di giornalisti un applauso: forse il più lungo di questi dieci anni.

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore