/ Attualità

Attualità | 14 febbraio 2024, 15:00

Una vita social: arriva a Vercelli la campagna della Polizia contro il cyberbullismo

Giovedì lezione speciale per 400 studenti dei comprensivi Lanino, Ferraris e Ferrari.

Una vita social: arriva a Vercelli la campagna della Polizia contro il cyberbullismo

Riparte da Sanremo, dove ha sostato per la 74° edizione del Festival della Canzone Italiana, il truck simbolo di “Una Vita da Social”, la più importante campagna educativa itinerante della Polizia Postale e del ministero dell’Istruzione e del Merito, organizzata nell’ambito del progetto “Generazioni Connesse” e con il sostegno di Google per la sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli della Rete per i minori.

Un’iniziativa che parla di sicurezza online, social network e cyberbullismo e che quest’anno si arricchisce anche con approfondimenti su educazione stradale e contrasto a ogni forma di discriminazione e che dallo scorso 18 settembre, data di lancio dell’undicesima edizione, ha già toccato moltissime città italiane.

Una Vita da Social, nel corso degli anni, ha raccolto un grande consenso: gli operatori della Polizia Postale hanno incontrato oltre 3 milioni di studenti, sia nelle piazze sia nelle scuole, 247.000 genitori, 142.000 insegnanti per un totale di 21.000 Istituti scolastici, oltre 600 città raggiunte sul territorio e due pagine Twitter e Facebook con 135.000 like e 12 milioni di utenti mensili sui temi della sicurezza online.  L'obiettivo è fare in modo che il dilagante fenomeno del cyberbullismo e di tutte le varie forme di prevaricazione connesse ad un uso distorto delle tecnologie non faccia più vittime.

Gli studenti attraverso il diario di bordo www.facebook.com/unavitadasocial/ potranno lanciare il loro messaggio positivo contro il cyberbullismo. Il 15 febbraio il truck farà tappa a Vercelli ove, a partire dalle ore 8.30 sino alle 13 circa, stazionerà in via Galileo Ferraris, nella zona antistante il Salone Dugentesco e la Basilica di Sant’Andrea. Gli operatori della Polizia Postale incontreranno circa 400 studenti degli istituti scolastici Lanino, Ferraris e Ferrari con la collaborazione della Questura che esporrà alcune autovetture con i colori di istituto.

Saranno presenti, operatori della Polizia Scientifica con la Fiat Fullback e un gazebo per spiegare la propria attività. A partire dalle ore 11.30, il dirigente del Centro Operativo Sicurezza Cibernetica della Polizia Postale per il Piemonte-Valle D’Aosta, Manuela De Giorgi, insieme al responsabile della Sezione Operativa di Vercelli, ispettore Daniele Mosso, accoglieranno sul truck il Prefetto della Provincia, Lucio Parente, il Questore Giuseppe Mariani, per condividere un momento di aggregazione e di riflessione sul tema. L’evento sarà arricchito dalla partecipazione di testimonial della squadra di calcio Pro Vercelli, con l’obiettivo di fornire modelli positivi e concrete alternative all’uso compulsivo di strumenti elettronici.La partecipazione all’iniziativa è estesa alla cittadinanza

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore