/ Politica

Politica | 29 giugno 2020, 18:45

Commercianti e artigiani: arriva il contributo che "annulla" la Tari del lockdown

Borgosesia: un aiuto una tantum che compensa quanto versato nonostante il periodo di chiusura. L'elenco delle categorie che potranno presentare domanda

Commercianti e artigiani: arriva il contributo che "annulla" la Tari del lockdown

Un contributo del Comune per compensare la Tari: è quanto ha stabilito l’Amministrazione di Borgosesia per andare incontro al settore del commercio, che tutti gli osservatori economici indicano come quello in maggior criticità dopo il periodo di chiusura corrispondente all’emergenza sanitaria. Il contributo va richiesto entro il 31 luglio.
«Il periodo che stiamo attraversando è molto difficile per tutti – commenta il sindaco Paolo Tiramani – e come amministrazione comunale ci siamo mossi a sostegno delle varie categorie di cittadini, per sostenere tutti coloro che hanno vissuto e vivono con difficoltà la crisi che stiamo attraversando. E’ evidente che tra i più colpiti ci sono i piccoli commercianti – dice Tiramani -  spina dorsale dell’economia di Borgosesia, che grazie a loro è diventata il polo commerciale di riferimento per tutta la Valsesia. Abbiamo dunque proposto in Consiglio l’idea di compensare la Tari con un contributo comunale, votato con apposita variazione di bilancio, e  le opposizioni hanno votato a favore: restituiremo, con la bolletta finale, quanto il Governo ci ha obbligato a riscuotere».

L’Amministrazione Comunale aveva assunto decisioni a favore dei commercianti rinviando il pagamento dei tributi locali, dal 30 marzo al 30 aprile e poi al 1 giugno, ma l’analisi attenta della normativa nazionale ha evidenziato che il Comune non può accordate esenzioni dai tributi per il periodo di inattività legato all’emergenza sanitaria, ma può adottare una delibera con natura di regolamento per istituire un contributo compensativo per la Tari una tantum, a favore delle utenze non domestiche che abbiano dovuto sospendere le proprie attività.

Di questa iniziativa saranno beneficiarie alcune categorie: cinematografi e teatri, negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta e altri beni durevoli, negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato, attività artigianali: parrucchiere, barbiere, estetista, ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, mense, birrerie, hamburgherie, bar, caffè, pasticceria.

Per accedere al contributo occorrerà compilare il modulo predisposto dall’Ufficio Tributi; la domanda di concessione del contributo che dovrà essere presentata a pena di decadenza all’Ufficio Tributi entro il 31 luglio 2020.

«Questa emergenza sanitaria ha stimolato un grande slancio solidale nella nostra città – conclude Tiramani – abbiamo assistito a tante iniziative benefiche da parte di associazioni e anche di singoli cittadini. Sono orgoglioso di essere il sindaco di una città piena di valori, e insieme alla mia giunta faccio di tutto per sostenere i miei cittadini sotto ogni punto di vista».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore