/ Politica

Politica | 04 dicembre 2023, 07:03

Piemonte al Centro: sanità valsesiana tra problemi e opportunità

Affollato incontro a Borgosesia, per il neonato movimento culturale e politico.

Piemonte al Centro: sanità valsesiana tra problemi e opportunità

Sooddisfazione per l'interesse registrato, venerdì sera, dal confronto dedicato alla sanità otganizzato dall'associazione culturale Piemonte al Centro .

"Programmazione della futura sanità regionale e il domani dell'ospedale di Borgosesia" è stato il titolo e filo conduttore della serata, ospitata al Centro d'incontro Ricreativo Fratelli Allegra a Borgosesia.

Di fronte a un buon numero di presenti, i relatori Francesco Gareri, medico di base e Giulio Zella, presidente dell'ordine degli infermieri provincia di Vercelli, nei loro interventi hanno evidenziato come le rispettive professioni da alcuni anni siano in cronica carenza di organico rispetto all'effettivo fabbisogno, carenza dettata soprattutto da orari e ritmi spesso estenuanti e mal parametrati da un punto di vista economico.

Entrambi a livello nazionale auspicano un nuovo contratto collettivo e forme di organizzazione diverse che permettano agli operatori di trovare nuovi stimoli per intraprendere le rispettive professioni e la possibilità ai cittadini di avere maggiori certezze sulla sanità pubblica.

Gualtiero Canova, primario emerito della Chirurgia Generale dell'ospedale di Borgosesia, già direttore sanitario dell'Azienda Sanitaria Asl Vercelli, dopo una breve introduzione sui problemi nazionali, volta a confermare le tesi dei precedenti relatori, spiegando anche l'utilizzo dei medici a gettone a livello nazionale ha parlato lungamente delle sorti dell'ospedale di Borgosesia.

Le chiusure negli anni passati degli ospedali di Gattinara e Varallo, per anni hanno garantito la certezza politica del funzionamento dell'ospedale di Borgosesia, anche in virtu' della morfologia territoriale.

I recenti investimenti, garantiti da Igea e Fondazione Valsesia hanno permesso l'apertura di nuovi servizi come il reparto di oculistica e la possibilità di operazioni speciali, come la cataratta.

A fronte di alcune domande sui pochi parti, circa 220 nel 2022, Canova ha evidenziato come non è il numero a mettere a rischio la qualità del servizio, anzi i parametri nazionali andrebbero rivisti al ribasso. Infine ha auspicato che i futuri investimenti sull'ortopedia possano essere attrattivi non solo per i valsesiani ma anche per il quadrante interprovinciale.

Daniele Bonvini esponente della Sanità Privata e titolare di alcuni poliambulatori nel novarese ha spiegato come la legge regionale piemontese abbia grossi limiti, soprattutto relativamente alla diagnostica, il Lombardia le Asl per abbattere le liste di attesa hanno la possibilità di utilizzare le strutture privata, per risonanze, ecografie e rx, utilizzando un budget prestabilito, dando ai cittadini un servizio piu' rapido ed efficiente.

Paolo Tiramani ha moderato l'incontro e introdotto alcuni temi attuali, come la carenza dei medici di base, sopperiti troppo spesso dai medici a gettone, soprattutto a causa dei limiti della Legge Madia,che andrebbe rivista; ha ricordato come il Governo Draghi ha raddoppiato gli accessi alle scuole di specializzazione dei medici, da 7 a 14mila, numero che dovrebbe risolvere il problema in un arco temporale di circa dieci anni. Riguardo a Borgosesia ha auspicato che che a breve venga data una specializzazione, oltre alla conferma dei servizi di base, il potenziamento della chirurgia ortopedica potrebbe portare a Borgosesia la possibilità di posti letto nell'area riabilitativa, a oggi carente in tutta l'Asl. Tiramani si è detto anche favorevole ai convenzionamenti assicurativi con i privati sul territorio per abbattere le liste d'attesa ed essere maggiormente competitivi nel panorama locale.

Tante domande dal pubblico, relativamente ai singoli reparti, ai primari che sono gli unici strutturati dell'ospedale e il resto dell'organico sopperito dalle cooperative di medici a gettone, a chi intravede da sempre un dualismo tra Vercelli e Borgosesia.

Su quest'ultima domanda, che da sempre serpeggia tra la cittadinanza, si è espresso categoricamente e in maniera autorevole Canova, ricordando come da direttore sanitario dell'Asl di Vercelli abbia potuto verificare l'infondatezza della questione, dettata spesso da un tipo di organizzazione diversa, non sovrapponibile tra i due ospedali.

Il clima rassicurante e le proposte espresse, hanno dato molti spunti ai partiti politici che nei prossimi mesi affronteranno la campagna elettorale che porterà il 9 giugno 2024 ad esprimere il nuovo Consiglio Regionale e l'elezione del Presidente della Regione.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore