/ Politica

Politica | 14 aprile 2021, 15:40

Stazione Idrometrica: via libera ai lavori di recupero

La Provincia approva il primo lotto di interventi per riqualificare a fini turistici la storica struttura

Gian Mario Morello

Gian Mario Morello

Lo scorso mercoledì 7 aprile è stato approvato dalla Provincia il progetto definitivo per i lavori di recupero della Stazione Idrometrica di Santhià. Lo studio portato avanti dall’architetto Pozzo era stato approvato lo scorso 19 ottobre in fase preliminare ed inserito nella programmazione 2021-2023 per la realizzazione del primo lotto di lavori. Le opere previste riguardano la realizzazione di una rampa con pavimentazione drenante per raggiungere il piano del soprastante argine, un muro di sostegno separato dalla parete del naviglio in modo che non vi siano interferenze fra le differenti sollecitazioni, un infobox illuminato per indirizzare il visitatore, parapetti metallici in modo da proteggere i visitatori da cadute accidentali nel Naviglio d’Ivrea e di un sistema di illuminazione scenografica che evidenzi le due facciate della Palazzina della Direzione visibili dall’Infobox.

E’ prevista anche la manutenzione all’interno della Stazione idrometrica con opere provvisionali, necessarie ad arrestare i fenomeni di degrado della pareti esterne della Palazzina stessa, in attesa di ulteriori opere previste con i successivi lotti.

«Finalmente dopo anni vengono affidati i lavori della prima fase - commenta il consigliere provinciale Gian Mario Morello - che sarà l’inizio del rilancio dell’area, un importante sito storico e culturale delle terre d’acqua. Sono soddisfatto della piena sinergia che si è raggiunta tra Provincia e il Comune di Santhià per la coutenza dei Canali Cavour e loro presidenti e direttori. Ciò ha permesso di raggiungere un grande obbiettivo per il bene comune di tutti. Siamo già proiettati sulla fase due, cercando le risorse nelle richieste del Recovery Plan».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore