/ Attualità

Attualità | 17 maggio 2019, 07:52

I cimeli della Pro tornano a Vercelli

TIRAMANI: «SO CHE CORSARO HA IN MENTE DOVE ESPORLI»

I cimeli della Pro tornano a Vercelli

Riceviamo e pubblichiamo.

Andrea Corsaro, in corsa per la poltrona di sindaco a Vercelli, ha nel cuore un grande regalo per la sua amata città: uno dei suoi obiettivi è restituire ai vercellesi i cimeli della squadra di calcio cittadina, quella mitica Pro Vercelli che nei primi decenni del Novecento rese orgogliosa la città del riso, diventando una delle squadre più blasonate d’Italia. Un obiettivo che ha già le basi concrete per diventare realtà: il custode di quegli oggetti preziosi, infatti, ha promesso a Corsaro che li renderà disponibili per essere esposti in modo permanente in uno spazio cittadino, dove saranno organizzati eventi perché quella mitica squadra sia degnamente ricordata da tutti i vercellesi.

Il collezionista che possiede quei meravigliosi ricordi è l’avvocato Stefano Delsignore, che se li aggiudicò all’asta a seguito delle tristi vicende che tutti conoscono, sostituendosi al Comune (che abbandonò presto l’asta) nell’impegno per mantenere a Vercelli il ricordo di quella grande squadra. Un collezionista attento e scrupoloso, Stefano Delsignore, che ora rende disponibili quegli oggetti preziosi affinché il collega Andrea Corsaro possa restituirli alla città e soprattutto ai cittadini: «Sono felice di questa opportunità – dice Andrea Corsaro – la fiducia che l’avvocato Delsignore ripone in me, affidandomi questo importante patrimonio, mi onora: sapremo collocare degnamente questi preziosi oggetti e soprattutto sapremo far rivivere la memoria del nostro squadrone, che ha dominato la scena italiana per almeno tre lustri, vincendo 7 scudetti. E non dimenticheremo la figura di Mario Ardissone, familiare di Delsignore, che fu una delle stelle di quella Pro Vercelli che faceva invidia a tutta Italia».

Fra i cimeli che Stefano Delsignore ha fatto accuratamente restaurare, parecchi sono molto preziosi: «Ci sono coppe e trofei di varie epoche – spiega il collezionista – c’è lo stemma del centenario in bronzo, il ritratto dello storico Presidente, Avvocato Luigi Bozino, e poi c’è un bellissimo tabellone delle glorie, che riporta le immagini delle squadre che nei primi del Novecento vincevano ogni competizione: si tratta di un dipinto Liberty, che ha richiesto un restauro particolarmente meticoloso, in quanto era stato in precedenza oggetto di pessimi interventi. Si dice che il grande Silvio Piola – conclude Delsignore – ogni volta che passava davanti a questo tabellone prima di entrare in campo, si emozionava guardando quei fuoriclasse».

L’accordo tra i due personaggi, entrambi con la Pro nel cuore, è favorito dal Segretario Provinciale della Lega, Paolo Tiramani: «Sono entrambe persone che stimo e apprezzo – afferma il deputato – e questo loro comune impegno perché la città torni a custodire i ricordi della Pro Vercelli mi commuove, e farò di tutto perché il loro importante progetto venga realizzato. So che Andrea Corsaro ha già in mente il luogo dove esporre i cimeli, e so che insieme hanno già parlato anche degli eventi che saranno organizzati per valorizzare questo importante patrimonio, che l’Amministrazione attuale ha del tutto ignorato. Eppure in quegli oggetti – conclude l’onorevole Paolo Tiramani - c’è il cuore di tanti vercellesi, e c’è l’esempio di una città vincente, ricordo di un passato glorioso che deve essere stimolo per un futuro che veda nuovamente Vercelli protagonista».

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore