/ Cronaca

Cronaca | 04 maggio 2022, 22:14

L'Upo sulle barricate per Djalali, potrebbe essere giustiziato il 21 maggio

L'Ateneo da anni si batte per la liberazione del ricercatore, condannato a morte in Iran

L'Upo sulle barricate per Djalali, potrebbe essere giustiziato il 21 maggio

L'Università del Piemonte Orientale si mobilita nuovamente per la salvezza del suo ex ricercatore Ahmadreza Djalali, da anni segregato in un carcere iraniano e condannato a morte con un'incredibile accusa di spionaggio.

Nella giornata di mercoledì 4 maggio l’agenzia iraniana Isna ha lanciato una notizia, ripresa da alcune testate, secondo la quale la sentenza di morte il ricercatore potrebbe essere eseguita il 21 maggio.

«Sgomenti per il ritorno di questo incubo, rafforziamo tutte le iniziative, mai abbandonate, per chiedere con forza la liberazione di Ahmad - si legge in una nota dell'Upo - Il rettore Gian Carlo Avanzi sta sollecitando nuovamente tutti i canali istituzionali per dare nuova linfa alla rete di solidarietà».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore