/ 

| 26 maggio 2020, 18:13

"Assistenti civici? Meglio rafforzare volontariato e servizio civile"

Luigi Bobba (ex sottosegretario e oggi presidente di Terzjus) chiede al Governo di archiviare il contestato bando

"Assistenti civici? Meglio rafforzare volontariato e servizio civile"

Più servizio civile e una App per i volontari. Altro che gli "assistenti civici" che stanno facendo litigare il Governo e che sollevano molte perplessità tra i cittadini. A chiedere un ripensamento sull'annunciato bando del Governo e a suggerire soluzioni più efficaci e praticabili è Luigi Bobba, ex presidente nazionale delle Acli, a lungo parlamentare, due volte sottosegretario e padre della legge sul terzo settore.

Bobba, oggi presidente di Terzjus - Osservatorio del Terzo settore, non condivide il bando annunciato dal ministro Boccia.

“Ci stiamo avvicinando silenziosamente a una sorta di statalizzazione soft del volontariato - dice - Ovvero, attraverso un linguaggio che richiama parole tipiche del Terzo settore, cioé civismo, volontari, utilità sociale, si vogliono ingaggiare cittadini volontari per compiti non ben definiti legati all’emergenza, saltando completamente le reti associative e del volontariato. E perché deve essere lo Stato a fare un bando per un impegno di carattere volontario? E ancora: come riusciranno i Comuni a programmare, formare, gestire e coordinare queste 60.000 persone se debbono farlo sostanzialmente a risorse invariate?”.

Per supportare i Comuni anche nei prossimi mesi, Bobba avanza due proposte alternative.

“Per sostenere i Comuni nell’affrontare le numerose emergenze sociali, educative e alimentari conseguenti alla crisi da Coronavirus, senza correre il rischio che funzioni di controllo e di ordine pubblico vengano surrettiziamente delegate a persone che non hanno né la preparazione, né i poteri per poterle esercitare si può incrementare in modo significativo, 150 milioni, il Fondo per il Servizio civile. Ovvero raddoppiare il numero dei giovani che il prossimo autunno potranno accedere al Servizio civile universale. Nel 2018 e 2019, circa 80 - 90.000 giovani che avevano partecipato ai bandi, avevano visto la loro domanda respinta per carenza di posti a disposizione. Ora il Governo nel Dl Rilancio ha incrementato la dotazione di 20 milioni, una cifra insufficiente per conseguire il risultato atteso. E i Comuni dovrebbero essere in prima fila a chiedere più risorse, visto che circa un terzo dei ragazzi svolgono il loro servizio proprio negli enti locali territoriali”.

La seconda proposta riguarda la creazione, sul modello inglese, di un’apposita App volontari. “Attraverso questo App, la cui gestione è  stata affidata alla Royal Voluntary Service, la Gran Bretagna procederà a ingaggiare, selezionare e formare i volontari per compiti non professionali tipici di questa fase: distribuzione di beni alimentari, servizio nelle mense dei poveri, assistenza anche telefonica per gli anziani soli, supporto alle persone disabili, sostegno alle famiglie più disagiate. Perché il Governo italiano non ha creato una App simile affidandone la gestione alle grandi reti associative e ai Centri di servizio del volontariato? Perché anziché sostituirsi alle reti associative, non ha favorito un loro rafforzamento per riuscire a raggiungere e mobilitare anche quel 1,5 milioni di volontari individuali censiti dall’Istat? Il Governo è ancora in tempo a cambiare rotta e a cogliere questa occasione come un tempo favorevole per lo sviluppo della disponibilità all’impegno volontario, per il consolidamento delle reti comunitarie e per promuovere una efficace integrazione tra Terzo settore e municipi”.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore