/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 08 febbraio 2024, 16:21

“Lo Specchio di Lilith n. 8” di Marco Barnabino in mostra a Parigi per «Art Capital»

Prestigioso riconoscimento per il fotografo vercellese.

“Lo Specchio di Lilith n. 8” di Marco Barnabino in mostra a Parigi per «Art Capital»

Prestigioso palcoscenico per l’opera opera  “Lo Specchio di Lilith n. 8” di Barnabino (stampata in fine art) del fotografo vercellese Marco Barnabino. L'opera è stata selezionata per la rassegna «Art Capital» in programma dal 14 al 18 febbraio a Parigi al Salon des Artistes al Grand Palais Ephémère, di fronte al Louvre.

Promossa sotto l'altro patronato del Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, la mostra viene inaugurata martedì 13 febbraio nel corso di un vernissage a invito che il fotografo vercellese ha esteso all'amministrazione comunale cittadina.

«E' un onore per me rappresentare il mio Paese e la mia città nel più importante evento artistico di Francia», dice Barnabino.

All'esposizione artistica che si svolge ogni anno a Parigi nel corso della quale vengono esposte opere di pittura, fotografia e arte grafica: nel secolo scorso ospitò artisti del calibro di Renoir, Cezanne, Rodin, Manet, Delacroix, Moreau e Seurat. 

“Lo Specchio di Lilith n. 8” declina in chiave filosofico esistenziale l'arte del ritratto, proseguendo un percorso che Barnabino ha affrontato anche il altre sue produzioni e che è valso significativi riconoscimenti. Apprezzato docente all'UniPop, il vercellese ha sempre frequentato il mondo fotografico, scegliendo un percorso che, dalla Street Photography lo ha poi portato alla rappresentazione della figura umana.

A complimentarsi con Barnabino anche il sindaco Andrea Corsaro e l'assessore Mimmo Sabatino. «E' un riconoscimento importante, che premia il talento artistico di un nostro concittadino e offre un motivo di orgoglio a tutta Vercelli», commenta l'assessore agli Eventi.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore