/ Cintura di Vercelli

Cintura di Vercelli | 08 aprile 2022, 10:00

Lettera dai ragazzi della Pro Loco Famija Cruatina

Non vorremmo in un futuro doverci ricordare solo che Sindaco e giunta ci han tolto il luogo dove facciamo vivere esperienze aii più piccoli con il Centro Estivo, dove i bambini si divertono, fanno i compiti, giocano

Lettera dai ragazzi della Pro Loco Famija Cruatina

Riceviamo e pubblichiamo una lettera sulla questione Pro Loco di Crova. Parlano alcuni giovani, stavolta.

 

Caro Sindaco noi ragazzi della Pro Loco di Crova: Jordan, Marco, Chiara, Alice, Lorenzo, Marco, Beatrice, Andrea e Sofia, Nicolò, Andrea, le scriviamo questa lettera perché sono molti i pensieri che ci vengono dal cuore dato lo sfratto dalla nostra sede. Noi vogliamo portare avanti le tradizioni che per anni hanno fatto vivere Crova di sorrisi, felicità, amore e spensieratezza tra noi, tutti uniti. Uniti come adesso nel chiedere se gentilmente ci lascia la nostra sede che è stata luogo delle nostre emozioni, dove riaffiorano ricordi di emozioni vissute , ma noi non vogliamo vivere di ricordi, vogliamo vivere nuove emozioni da  ricordare con felicità in un domani. Non vorremmo in un futuro doverci ricordare solo che il nostro Sindaco, con la sua giunta, ci ha tolto il luogo dove facciamo vivere esperienze a bambini più piccoli di noi con il Centro Estivo, dove i bambini si divertono, fanno i compiti, giocano, sono felici e possono trovare sollievo da situazioni delicate come la pandemia o la guerra in Ucraina. È stato bello servire come camerieri alla festa Patronale e organizzare la "Festa dei Giovani" e proprio per questo la sede che abbiamo è necessaria per proseguire le attività. Salviamo Crova tutti insieme per far sì che i valori, quelli veri, arricchiscano i nostri cuori sempre più tristi. Noi ragazzi cerchiamo con tutte le nostre forze di portare avanti le tradizioni e di creare nuove attività che illuminino Crova. Non stiamo dietro uno schermo ma viviamo la vita così com'è, con i nostri sogni e le nostre passioni, condividendo le esperienze della Pro Loco.

Considerando questi duri anni, a seguito della pandemia, la Pro loco è diventata un rifugio per la positività, riusciva a far riunire tutti quanti per compiere attività liberatorie. Per di più la perdita della sede negherà a molti giovani di avere nuove esperienze, conoscere nuove persone e soprattutto, come è già stato detto in precedenza, creare ricordi ed emozioni insostituibili.

Per cui la Pro Loco non è solo un luogo di ritrovo ma anche una grande famiglia per tutti coloro che sono entrati a farne parte.

Grazie per la cortese attenzione, un saluto dai ragazzi dell’ "Associazione Turistica Pro Loco Famija Cruatina Associazione a Promozione Sociale"

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore