/ Politica

Politica | 29 giugno 2020, 14:04

Caos sulle autostrade tra Piemonte e Liguria, Cirio: "Lavori andavano fatti durante il lockdown"

Sul sovraffollamento dei treni per il mare governatore chiede un confronto nella Conferenza delle Regioni

Caos sulle autostrade tra Piemonte e Liguria, Cirio: "Lavori andavano fatti durante il lockdown"

"Ogni volta che faccio una coda per un lavoro pubblico, mi chiedo perché questo non sia stato fatto durante il lockdown: è una follia. Abbiamo avuto mesi di autostrade ferme, cioè senza viaggiatori. In più nelle nostre ordinanze i cantieri per le strade erano tutti autorizzati, quindi questi interventi potevano farsi prima". Così il presidente del Piemonte Alberto Cirio è intervenuto a "Centocittà" su Radio Rai Uno sulle lunghe code che si sono verificate nel weekend sulle autostrade, in particolare tra Piemonte e Liguria. 

"Anche adesso che sento le motivazioni, 'lo facciamo per la vostra sicurezza' dico 'va bene', ma lo si poteva fare tranquillamente tre mesi fa senza creare disagio alle persone e al turismo che sta così  faticosamente ripartendo", ha aggiunto Cirio.

E' notizia di oggi che a partire da questa sera inizieranno una serie di chiusure notturne, dalle 22 alle 6, sulla A26 e sulla A10 per interventi su sedici gallerie. La parlamentare di FdI Augusta Montaruli ha annunciato di aver presentato un'interrogazione parlamentare sulle code. "Il Governo - commenta l'esponente del partito della Meloni - anziché premiare vessa quegli italiani che nonostante tutto si mettono in auto verso le mete turistiche". 

Il governatore piemontese ai microfoni di Rai Radio Uno è intervenuto anche sulla questione del sovraffollamento dei treni dei mare, in particolare sulle diverse regole in vigore in Piemonte e Liguria per gli spostamenti su binari. "Immaginate - ha detto - un Milano/Genova o Torino/Savona: parte con 40 persone per carrozza e quando arriva in Liguria (dove il numero di persone non è contingentato ndr) queste possono essere 80".

Il Piemonte ha quindi deciso di attivare la Conferenza delle Regioni per "un confronto tra quelle del nord ovest: le misure contro il Covid devono avere omogeneità territoriale, andando al di sopra delle differenze tra Regioni e Province". 

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore