/ Economia

Economia | 11 luglio 2019, 21:00

Servizi al cittadino sempre più digitali: cosa sta cambiando nella P.A.

La digitalizzazione dei servizi è ormai un fenomeno di ampia portata, che non poteva non coinvolgere anche la Pubblica Amministrazione, spesso considerata troppo lenta e farraginosa nelle comunicazioni e nell'avanzamento delle pratiche.

Servizi al cittadino sempre più digitali: cosa sta cambiando nella P.A.

La digitalizzazione dei servizi è ormai un fenomeno di ampia portata, che non poteva non coinvolgere anche la Pubblica Amministrazione, spesso considerata troppo lenta e farraginosa nelle comunicazioni e nell'avanzamento delle pratiche. Le nuove tecnologie stanno offrendo da questo punto di vista un'importante opportunità per mettere gli uffici pubblici al passo con le esigenze dei cittadini, che finalmente possono risolvere tante questioni anche online.

Servizi sempre più su misura con la digitalizzazione

L'efficienza dei servizi web ha raggiunto livelli davvero elevati, come dimostrano le esperienze di società attive, per esempio, nel campo delle comunicazioni o dell'intrattenimento, che proprio grazie a portali e app mobili progettati nel dettaglio riescono a soddisfare le richieste dei diversi mercati. Social network come Facebook e Instagram, casino con slot machine come Betway e piattaforme di streaming come Netflix e DAZN hanno ormai insediato i propri settori con successo, creando un modo tutto nuovo di fruire dei singoli servizi attraverso PC e dispositivi mobili. L'uso di tali servizi è cresciuto costantemente negli anni, non soltanto per via della praticità degli stessi, ma anche per le elevate possibilità di personalizzazione, che permettono a ciascun utente di avere a portata di mano tutto ciò che gli occorre per il lavoro, così come per la vita personale.

Se gli esempi citati afferiscono, però, all'iniziativa di organizzazioni private, non meno importante è ciò che sta accadendo nel campo della Pubblica Amministrazione, dove gli stessi sistemi vengono oggi applicati per garantire servizi efficaci anche nei confronti dei cittadini, da parte degli enti e delle istituzioni a vari livelli. Anche in questo caso, il fatto di poter contare su strumenti di facile accessibilità e su un contatto strettamente personale ha dato un importante slancio a sistemi di cui non è più possibile fare a meno.

Digitalizzazione e Pubblica Amministrazione: cosa è cambiato in questi anni

Al di là dei casi che hanno fatto notizia in questi anni, relativi a server bloccati, malfunzionamenti e altri problemi di natura tecnica, i passi in avanti fatti dalle Pubbliche Amministrazioni nell'uso dei servizi digitali sono evidenti. Gli uffici pubblici sono, infatti, sempre più presenti online, sia con portali web che con applicazioni accessibili da dispositivi mobili, all'interno dei quali è possibile trovare non più soltanto contenuti di natura informativa ma anche aree personali tramite cui mettersi in contatto con gli uffici, inviare moduli e seguire lo stato delle pratiche.

Un ente come l'INPS, per esempio, si avvale oggi di una complessa piattaforma che si rivolge a famiglie, lavoratori, pensionati e altre categorie di cittadini con servizi ad hoc per le loro necessità. Grazie agli investimenti fatti in tal senso, l'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale è riuscito a ridurre sensibilmente i tempi di gestione di richieste e pratiche, migliorando dunque anche il livello di supporto garantito a ciascuna fascia sociale. Che sia da web o da app, sul sito INPS è oggi molto semplice richiedere bonus e indennità, controllare la pensione e svolgere ogni operazione che un tempo richiedeva la visita agli uffici più vicini, spesso con disagi in termini di distanze e tempi.

Anche enti come Regioni, Province e Comuni sono ormai presenti online con dei propri siti web, aggiornati con tutto ciò che riguarda la vita del territorio (come per esempio nel caso di delibere, bandi e gare e comunicazioni di vario genere), ma anche con pratici servizi online per la richiesta di certificati e altri documenti in formato digitale. Allo stesso modo, anche l'Agenzia delle Entrate ha approntato sistemi avanzati per favorire l'accesso a imprese e privati nel proprio "mondo", con tanto di opzioni per la presentazione di domande e per la verifica di imposte e tributi.

Peraltro, molto è cambiato in tempi recenti grazie all'introduzione di tecnologie volte a rendere ancora più protette e sicure le comunicazioni tra le parti. È il caso, per esempio, dello SPID, ossia l'identità digitale creata per garantire un accesso ancora più sicuro ai vari servizi digitali presenti online, della PEC, la posta elettronica certificata che permette di inviare e ricevere e-mail con pieno valore legale, sostituendo nella sostanza la tradizionale raccomandata A/R, o del sistema PagoPA, che agevola il pagamento di tributi e bollettini verso gli stessi enti pubblici e i fornitori di servizi abilitati mediante pochi semplici passaggi da smartphone.

Insomma, l'evoluzione dei rapporti tra cittadini e P.A. è sotto gli occhi di tutti e rappresenta un primo importantissimo passaggio verso una maggiore efficienza di quell'universo finora fatto di tanta carta e burocrazia, che spesso ha fatto perdere la pazienza a molti di noi. Pur con ancora evidente la necessità di colmare le differenze generazionali nell'uso di tali sistemi, la digitalizzazione della P.A. non potrà dunque che creare una maggiore fiducia verso il settore pubblico, avvicinando le parti e semplificando anche i passaggi più lenti e problematici.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore