/ Economia

Economia | 08 ottobre 2021, 07:00

Il mercato globale dei semi di cannabis legali potrebbe raggiungere i 724 milioni di dollari entro il 2027

Il cambiamento del panorama politico in Italia, nel resto d'Europa e in altre regioni ha portato alla rapida crescita dell'industria dei semi di cannabis legali.

Il mercato globale dei semi di cannabis legali potrebbe raggiungere i 724 milioni di dollari entro il 2027

Con un referendum popolare sulla coltivazione domestica della cannabis che avrà luogo l'anno prossimo, è probabile che gli italiani otterranno il diritto di coltivare legalmente fino a quattro piante per uso personale.

La Corte di Cassazione ha stabilito in precedenza che le tecniche rudimentali solitamente coinvolte nella coltivazione domestica, così come il numero limitato di piante e la quantità prevista del prodotto finale non presentano alcun pericolo per il pubblico. Quindi, la coltivazione domestica di alcune piante di cannabis senza intenzione di vendita non può essere considerata un crimine.

Se questa nuova posizione sarà codificata nella legge - sia attraverso il referendum o il voto del Parlamento - potrebbe stimolare un'ulteriore crescita delle imprese coinvolte nella produzione e vendita di semi di cannabis nel paese.

Semi usati per scopi industriali

L'attuale mercato globale della cannabis può essere approssimativamente diviso in due parti disuguali.

Da un lato, c'è l'industria che produce semi interi e sgusciati, olio di semi e proteine. Questo settore si rivolge a nicchie come cibo e bevande, prodotti farmaceutici e prodotti per la cura personale. Il successo del settore si basa sul fatto che i semi di cannabis sono una materia prima industriale versatile con un alto valore nutrizionale. Il suo alto contenuto proteico è una fonte di tutti gli aminoacidi, compresi quelli essenziali che il nostro corpo non può produrre. Ci sono prove che il consumo regolare di semi di cannabis come cibo ha diversi benefici per la salute.

Si tratta di un'industria da tempo consolidata e multimiliardaria, e il suo sviluppo continua. Nella sua analisi del 2020, Data Bridge Market Research ha previsto che questo settore crescerà ad un CAGR del 19,40% nei prossimi anni e raggiungerà quasi 34,7 miliardi di dollari entro il 2027.

Semi usati per la coltivazione delle piante

Questa parte del mercato dei semi di cannabis ha, probabilmente, un potenziale ancora maggiore. A livello globale, ci sono diverse centinaia di aziende coinvolte nell'allevamento, nella produzione e nella vendita di semi di cannabis che possono essere usati per la coltivazione.

Semi di questo tipo, come i semi Gelato di FastBuds, e migliaia di prodotti simili, sono ora venduti in Italia solo come oggetti da collezione. In contrasto con la sentenza della Corte di Cassazione, le leggi applicabili vietano la germinazione e la coltivazione di queste genetiche per qualsiasi scopo, incluso quello medico e ricreativo.

In molti altri paesi del mondo, il quadro legale presenta impedimenti simili per lo sviluppo dell'industria. Tuttavia, gli atteggiamenti mutevoli verso il consumo di cannabis e la promulgazione di varie leggi di legalizzazione stanno cambiando la situazione. Così, l'Europa emerge come uno dei mercati della cannabis in più rapida crescita nel mondo, presentando alle parti interessate molte opportunità.

Le cosiddette banche dei semi operano in tutta Europa - in Olanda, Spagna, Italia - così come negli Stati Uniti. Si rivolgono soprattutto ai coltivatori amatoriali locali e internazionali e rispondono alla domanda di genetiche con diverse proprietà psicoattive e medicinali o adatte a diversi stili di coltivazione.

Un altro rapporto DBMR, pubblicato nell'ottobre 2021, prevede che il mercato globale dei semi di cannabis continuerà a crescere nei prossimi 6 anni con un CAGR del 14,5%. La dimensione del mercato nel 2027 è stimata vicino ai 724 milioni di dollari.

La crescita sarà particolarmente significativa nei paesi e nelle regioni che mostrano il maggior slancio per la riforma. Finora, la cannabis medica è legale in 36 dei 50 stati USA e in decine di altri paesi, tra cui Italia, Spagna, Repubblica Ceca e Austria, per citarne solo alcuni. E il Canada e 15 stati americani più Washington DC hanno legalizzato l'uso adulto della sostanza.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore