/ Economia

Economia | 28 settembre 2020, 16:09

Depressione e ansia in adolescenza collegate al rischio più alto di problemi cardiaci più tardi

Una ricerca svedese afferma che gli adolescenti depressi sono più a rischio di attacco cardiaco da adulti

Depressione e ansia in adolescenza collegate al rischio più alto di problemi cardiaci più tardi

I disturbi depressivi potrebbero essere considerati il ​​disturbo più importante in questo momento. Ma la depressione non può essere vista solo in modo semplice, perché diverse variabili sono importanti per sviluppare e mantenere questo stato. I sintomi depressivi potrebbero essere causati da fattori biologici, genetici, sociali e psicologici.

Le risultanze di una ricerca condotta dalla scienziata Cecilia Bergh dell’Università di Örebro in Svezia, presentate in occasione del Congresso della Società Europea di Cardiologia 2020. I dati rivelano un rischio di soffrire di attacchi di cuore in mezza età del 20% superiore rispetto a chi non ha sofferto di ansia cronica e depressione in adolescenza.

L’analisi ha preso in considerazione 238.013 uomini, tutti nati tra il 1952 e il 1956. Ad oltre 34.000 di essi era stata diagnosticata nell'ultima fase dell'adolescenza qualche patologia psicologica e psichiatrica, principalmente a seguito della visita per l'inizio del servizio militare: da qui è stata osservata un'incidenza più alta del normale del 20% che si verificasse un infarto oltre i 50 anni.

L'adolescenza può essere evidenziata da alcune caratteristiche, come lo sviluppo del concetto di sé, dell'autostima e di concetti più complessi. Si tratta di una fase caratterizzata da un aumento delle responsabilità sociali e familiari, vista anche da una diversa angolazione criminale, con l'utilizzo dello statuto dell'infanzia e dell'adolescenza.

"È anche una fase di marcati cambiamenti biologici e ormonali - riporta Luca Bucci di Healthspring.it - che spesso provocano dubbi, irrequietezza e cambiamenti di comportamento nei confronti delle parti sociali e della famiglia, con disturbi dell'umore e la conseguente perdita del senso di controllo, con perdita di energia e interesse; umore depresso; diminuzione del desiderio di eseguire attività che in precedenza causavano piacere (anedonia). Prima che diventino condizioni patologiche croniche può essere opportuna l'assunzione di vitamine idrosolubili del gruppo B e magnesio per il contrasto alla depressione, valeriana o olio di CBD come rilassanti".

Problemi legati al sonno; perdita di energia o stanchezza costante; difficoltà di concentrazione e diminuzione della capacità di pensare, oltre alle difficoltà nel prendere decisioni; perdita di appetito; bassa autostima; sentimenti di inutilità o colpa e pensieri sulla morte e il suicidio. Tutti questi sintomi finiscono per compromettere la vita sociale, professionale e interpersonale dell'individuo.

La depressione può essere correlata a problemi accademici, problemi sessuali, abuso di droghe, disturbi della condotta, disturbi d'ansia, deficit di attenzione, panico, disturbi alimentari, tra gli altri e può essere considerata un disturbo con livelli elevati comorbidità, cioè altri disturbi associati. E fa parte anche dello strascico emotivo conseguente alla diffusione del nuovo Coronavirus, che in conseguenza della riduzione significativa della curva del contagio ha permesso a milioni di ragazzi di tornare sui banchi di scuola ma con la spada di Damocle di essere vittime del contagio come dimostrato dai recenti tamponi nel mondo della scuola.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore