Economia - 20 novembre 2023, 07:00

Tutto quello che devi sapere sull'estrattore per viti

Non è certo necessario essere un meccanico o un operaio professionista per trovarsi di fronte a un elemento di fissaggio bloccato.

Tutto quello che devi sapere sull'estrattore per viti

Non è certo necessario essere un meccanico o un operaio professionista per trovarsi di fronte a un elemento di fissaggio bloccato. Purtroppo, per quanto raramente, è una cosa che succede e sempre nel momento meno opportuno.

Cosa fare in questi casi? Ci si può affidare a “rimedi della casa” o a soluzioni fai da te, oppure usare l’estrattore di viti: uno strumento creato appositamente per riuscire a estrarre bulloni o viti bloccati su cui non è più possibile intervenire con altri attrezzi.

Ma cos’è un estrattore per viti e come funziona? Qui di seguito trovi tutte le informazioni di cui hai bisogno su questo formidabile aiutante!

Che cos'è un estrattore per viti?

Esistono tanti modelli diversi di estrattore per viti che possono essere acquistati su RS e altri siti Internet specializzati, oppure nei negozi di attrezzi e bricolage.

Indipendentemente dal modello, possiamo affermare che si tratta di un’asta di metallo (spesso realizzata in leghe di acciaio molto resistente) che presenta due estremità differenti, entrambe con una filettatura inversa, cioè che si sviluppa in senso antiorario.

L'asta dell’estrattore per viti può essere di forme diverse; più comunemente ha una sezione quadrata o rettangolare. Una delle estremità è cuneiforme, mentre l’altra può essere simile a un cubo, oppure anch’essa a forma di cono. Queste estremità hanno un ruolo ben preciso e servono entrambe per ottenere il risultato sperato.

Come si usa l’estrattore per viti?​

Nella maggior parte dei casi, un estrattore per viti non può essere usato manualmente; per funzionare questo strumento deve essere inserito all’interno di un trapano o di un altro dispositivo rotante. Solo così si riesce ad ottenere la forza e la rotazione necessarie per il corretto funzionamento.

Per prima cosa è necessario selezionare l’estrattore per viti con il diametro ottimale a seconda della dimensione della vite o del bullone che vogliamo estrarre. Il diametro va scelto in modo tale che, dopo aver praticato il foro, rimanga almeno un terzo di spessore delle pareti dell’elemento di fissaggio bloccato.

Scelto il diametro, ci premuriamo di usare l’estremità cuneiforme dell’estrattore per forare il corpo dell’elemento. Più profondo è il foro, meglio è. Tuttavia, vale la pena fare attenzione e perforare il più possibile perpendicolarmente, in modo che il trapano non vada di lato, fuoriesca e danneggi le filettature del foro.

A questo punto entra in gioco la seconda estremità dell’estrattore per viti: questa va inserita all’interno del foro appena creato e azionata in senso antiorario per svitare l’elemento di fissaggio bloccato. Facendo ciò, l’estremità si aggancerà alla filettatura del foro e sarà in grado di sollevare (senza fretta!) la vite o il bullone.

Altri modelli

Quello descritto poco fa è il modello più diffuso di estrattore per viti. In realtà, però ne esistono anche altri sul mercato.

Alcuni estrattori, ad esempio, presentano solo l’estremità con filettatura inversa in grado di sollevare l’elemento di fissaggio bloccato. Questi sono sviluppati per agganciarsi alle filettature delle comuni punte per trapano. Di conseguenza, non è necessario avere un’estremità specifica per forare.

Esistono anche estrattori minuscoli che possono essere usati per eliminare elementi di fissaggio compromessi o ossidati all’interno di computer, smartphone e altre componenti tecnologiche. Solitamente, questi modelli di estrattore per viti sono già provvisti di un motore che fa ruotare le due estremità, montate su un’asta sottilissima.

Allo stesso modo, esistono estrattori creati appositamente per lavorare su bulloni di grandi dimensioni, come quelli usati sui macchinari o sulle strutture di barche a vela, camion e furgoni. Questi hanno bisogno di trapani specifici, non possono essere agganciati ai semplici trapani che si usano a casa.

Ti potrebbero interessare anche:

SU