/ Politica

Politica | 23 febbraio 2024, 15:42

Il PD: «il Sindaco ha rinunciato al suo ruolo per diventare l'avvocato di Pozzolo»

«La maggioranza ha impedito di discutere la nostra mozione in Consiglio comunale».

Il PD: «il Sindaco ha rinunciato al suo ruolo per diventare l'avvocato di Pozzolo»

Riceviamo e pubblichiamo

Il consiglio comunale di ieri, in cui la maggioranza ha impedito di discutere la mozione del Partito Democratico con cui si chiedeva al Sindaco di prendere le distanze dai comportamenti tenuti dal deputato Pozzolo a Capodanno, ha sentenziato due cose.

Che il Sindaco di Vercelli ha rinunciato al suo ruolo per diventare l'avvocato difensore di Pozzolo a tempo pieno. Che Fratelli d'Italia, aldilà delle parole di comodo della Presidente Meloni, è compattamente a difesa di Pozzolo. Ed entrambi sono disposti a mettere a tacere il consiglio per evitare problemi.

In sostanza a nessun esponente dell'amministrazione interessa lontanamente difendere l'immagine della città, tutelare il valore delle istituzioni e la loro legittimità.

Era questo l'obiettivo della nostra mozione. Discutere i risvolti politici dei fatti di Capodanno.

Discutere di come se il Sindaco lancia giustamente un appello verso comportamenti giudiziosi dei cittadini, dei ragazzi, poi non può non prendere le distanze da chi si presenta ad una festa di Capodanno con una pistola carica.

Discutere di come non sia pensabile che un rappresentante delle istituzioni si appelli all'immunità parlamentare per non chiarire il suo coinvolgimento in un incidente che ha causato il ferimento di una persona. O che si avvalga della facoltà di non rispondere. Stiamo parlando di un parlamentare che vota sulla Costituzione.

Discutere di come l'incidente abbia comunque delle basi politiche perché il deputato stesso si è sempre professato a favore delle armi. E ha dimostrato al mondo che abbiamo ragione noi nel dire che diffondere armi a pistoleri improvvisati può solo causare gravi pericoli.

Ci è stato detto che non si poteva discutere, ci è stata tolta la parola, perché il tema è per loro superato. Dimenticando che nel frattempo nessuno in questi mesi abbia preso le distanze da tutto ciò e, anzi, che il Sindaco sia diventato l'avvocato difensore del deputato. Che egli stesso abbia anche partecipato alle celebrazioni della Giornata della Memoria nel palco delle autorità, a fianco al Sindaco. Altro che distanze.

Continuare a supportare questi atteggiamenti e questi personaggi toglie dignità e valore alla politica e alle istituzioni.

Se qualcuno in questa Amministrazione sa cosa voglia dire la parola vergogna, provatela.

Il Gruppo Consiliare del Partito Democratico

comunicato

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore