/ Economia

Economia | 08 febbraio 2024, 08:00

Un anno di Crypto: analisi del 2023 e prospettive per il 2024

Il 2023 si è rivelato un anno relativamente tranquillo per il settore delle criptovalute, caratterizzato da una mancanza di movimenti significativi rispetto alla media storica.

Un anno di Crypto: analisi del 2023 e prospettive per il 2024

Il 2023 si è rivelato un anno relativamente tranquillo per il settore delle criptovalute, caratterizzato da una mancanza di movimenti significativi rispetto alla media storica. Le principali criptovalute come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) hanno oscillato lateralmente per tutto l'anno, mentre il volume totale bloccato (TVL) negli ecosistemi di finanza decentralizzata è rimasto all'interno di un intervallo ristretto, lontano dai massimi storici. Questa mancanza di volatilità drammatica è stata ben lontana dalla norma che solitamente associamo agli asset crittografici. Il leggero aumento dei prezzi nel quarto trimestre ha chiuso l'anno con una nota positiva.

Non è stato un anno per fare soldi. Tuttavia, la recente luce verde dalla Securities and Exchange Commission per 11 domande di Bitcoin spot exchange-traded funds (ETF), con protagonisti giocatori di peso come BlackRock, Ark Investments/21Shares, Fidelity, Invesco e VanEck, ha portato a un notevole aumento nel mercato delle criptovalute, esprimendo un'ottimistica prospettiva. Si diffonde la speculazione che un bull run sostenuto sostituirà quest'ultimo inverno delle criptovalute.

Sebbene rimanga ottimista sui digital assets e sull'industria delle criptovalute nel lungo periodo, c'è motivo di rimanere cauti all'approccio del 2024. Gli investitori si trovano di fronte a segnali contrastanti, ed è possibile che la buona notizia riguardante l'approvazione degli ETF Bitcoin–che ha dominato le prime pagine delle criptovalute per alcuni mesi–sia già stata incorporata nei prezzi.

Sebbene i mercati non abbiano registrato un'impennata l'anno scorso, non sono neppure crollati. C'è stata un'ottimismo sufficiente per mantenere la stabilità dei prezzi. Questo ottimismo è in gran parte legato a due eventi principali del 2024: la recente approvazione degli spot Bitcoin ETF e il potenziale approvazione di Ethereum exchange-traded funds (ETF) negli Stati Uniti, così come l'imminente halving di Bitcoin. Le approvazioni degli ETF dovrebbero portare a un miglioramento dei volumi di trading e della liquidità nei mercati delle criptovalute in generale, e l'halving impedirà la deflazione del BTC e quindi sosterrà i prezzi.

Molti esperti hanno attribuito l'aumento dei prezzi nel quarto trimestre a questi fattori, e ciò si è accompagnato anche a un'attività rialzista nel mercato dei derivati. Gli investitori nel complesso sembrano credere che i rialzi dei tassi delle banche centrali siano per lo più alle spalle e che ci sia abbastanza peso in queste voci ottimistiche per guardare avanti a un breakout bull run nel 2024.

Il crypto trading, o trading di criptovalute, è l'atto di comprare e vendere criptovalute come Bitcoin, Ethereum, Ripple e altre su piattaforme di trading specializzate. Questo tipo di trading è diventato sempre più popolare negli ultimi anni grazie alla crescente adozione delle criptovalute e alla loro volatilità, che può offrire opportunità di profitto significative agli operatori finanziari.

Il processo di crypto trading di solito coinvolge i seguenti passaggi:

Selezione della piattaforma di trading: gli operatori devono scegliere una piattaforma di trading affidabile e sicura che offra l'accesso alle criptovalute desiderate e strumenti di trading adeguati.

Analisi di mercato: gli operatori analizzano i grafici dei prezzi e i dati di mercato delle criptovalute per identificare trend, pattern e opportunità di trading. Questa analisi può essere tecnica, fondamentale o una combinazione delle due.

Apertura di posizioni: gli operatori decidono se acquistare o vendere criptovalute in base alle loro previsioni di mercato. Possono aprire posizioni lunghe (acquistare) se prevedono che il prezzo salirà o posizioni corte (vendere) se prevedono che il prezzo scenderà.

Gestione del rischio: gli operatori devono gestire attentamente il rischio nelle loro operazioni di trading. Ciò può includere l'utilizzo di stop loss per limitare le perdite e l'allocazione prudente del capitale.

Chiusura delle posizioni: gli operatori chiudono le loro posizioni quando raggiungono il loro obiettivo di profitto o quando il mercato si muove contro di loro. Possono anche decidere di tenere le criptovalute a lungo termine invece di fare trading attivo.

Il crypto trading può essere altamente redditizio, ma comporta anche rischi significativi a causa della volatilità estrema delle criptovalute e della natura speculativa del mercato. È importante che gli operatori abbiano una solida comprensione del mercato e adottino una strategia di trading ben definita per massimizzare le probabilità di successo.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore