/ Basket

Basket | 29 gennaio 2024, 10:18

Basket femminile serie B: vittoria con il cuore della PFV

Nonostante le assenze, una prestazione superba: 60 a 58 contro il Moncalieri Kangaroos Sport.

foto archivio

foto archivio

CAMPIONATO SERIE B - Girone di qualificazione – 2^ giornata di ritorno

Vercelli – Domenica 28 gennaio 2024 – Palapiacco - ore 18,00

 

Pallacanestro Femminile Vercelli – Kangaroos Sport (Moncalieri) 60-58 (Parziali: 12-13; 25-33; 40-47; 60-58))

 

Tabellino PFV: Bassani 5; Bouchefra 14; Bracco 16; Buffa 16; Deangelis 3; Francese; Gentilini 4, Bertelegni 2; Dockrill, Leone G., Liberali, Chillini. Allenatore: Gabriele Bendazzi; ass. all.re Andrea Congionti.

 

Nella seconda giornata di ritorno, tornata dopo un lungo periodo a giocare in casa, la PFV ha finalmente rotto l’incantesimo degli arrivi in volata e si è imposta 60-58 su Kangaroos Sport di Moncalieri, scesa a Vercelli senza scomodare tutti i suoi pezzi da novanta della serie A, così che ha pagato dazio.

La squadra di Bendazzi è riuscita a superarsi nonostante fossero indisponibili cinque giocatrici (alle lungodegenti si è aggiunta anche Coralluzzo in questo turno), spesso fondamentali e con gran cuore, lo si deve sottolineare, è riuscita a prevalere lottando fino alla fine, dopo aver recuperato lo svantaggio non lieve accumulato nella parte centrale della gara.

È stata una partita molto fisica, giocata sempre punto a punto con le ospiti sempre avanti di qualche incollatura. La PFV ha disputato una partita costellata da molti errori, tutti puntualmente puniti da Moncalieri, ma le ragazze vercellesi sono state brave a rimanere a contatto con le unghie e con i denti e, nell’ultimo periodo, sono riuscite a mettere il naso avanti ad un paio di minuti dalla fine.

Nel primo periodo, infatti, la partita era in perfetto equilibrio con entrambe le squadre quasi a studiarsi (12-13 al 10’), mentre già nel secondo la PFV accusava qualche passaggio a vuoto in attacco e subiva un po’ la maggior stazza fisica delle avversarie, che ne approfittavano per scappare avanti a +8 a metà gara: 25-33.

Nei 10’ successivi Moncalieri riusciva a rintuzzare tutti i tentativi della PFV di tornare a ridosso dell’avversaria, e sembrava che si ripetesse il copione già recitato diverse volte, perdendo piano piano terreno. Ma le padrone di casa non demordevano e, nell’ultimo quarto recuperavano lo svantaggio e, nell’ultimo minuto di gara la scarsa precisione ai liberi permetteva a Moncalieri di prendere la tripla del possibile sorpasso a fil di sirena, che però si spegneva sul ferro, consegnando così il foglio rosa alle ragazze di casa. Partita di sofferenza ma vittoria importante che ripaga di tutti gli sforzi che si stanno facendo in palestra.

Da sottolineare che le giocatrici della PFV erano capaci di piazzare un bel parziale di 20-11 negli ultimi 10’, confezionato in cooperativa da Bracco, Bouchefra, Buffa e Bassani (51 punti su 60 da queste 4) che consentiva finalmente di vincere un incontro in volata.

Peraltro le atlete presenti, da Deangelis a Francese, da Bertelegni a Gentilini, da Leone a Dockrill, da Chillini a Liberali hanno dato il loro contributo decisivo quando sono state chiamate ad entrate in campo, rispondendo in modo positivo, così da concorrere tutte con pieno merito alla vittoria, che porta ad un piccolo passo in classifica e fa grande morale.

A fine gara uno degli spettatori ha commentato: “Grande squadra, grande cuore” , mostrando di aver compreso dove sta il segreto di questo gruppo che, nonostante le avversità (infortuni, operazioni, impedimenti dei più vari che hanno decimato la squadra) riesce a battersi comunque con grande dignità ed anche ad ottenere un buon risultato, in questa occasione, mostrando che la base è buona e che confidare ragionevolmente nel buon esito dei play out (se non della salvezza tout court), quando la squadra tornerà al completo, non è affatto utopia.

La PFV sarà di nuovo in campo sabato 3 febbraio alle 20,30 all’Istituto Sociale di Corso Siracusa a Torino contro BKB Torino, altro ostacolo piuttosto difficile da saltare.

 

Claudio Roselli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore