/ Attualità

Attualità | 26 settembre 2023, 17:53

Sicurezza stradale: 200 studenti all'incontro con Vanni Oddera

Giornata di sensibilizzazione promossa dalla Polizia stradale, con Asl, Università ed enti locali.

Sicurezza stradale: 200 studenti all'incontro con Vanni Oddera

Circa 200 studenti delle terze e quarte degli istituti superiori del capoluogo, accompagnati dai loro docenti. hanno partecipato, martedì mattina, all'incontro dedicato alla sicurezza stradale, inserito nell'evento europeo “Roadpol – Safety Days", divulgata da Roadpol, network europeo delle Polizie Stradali.

L'appuntamento, ospitato nell’aula magna del complesso San Giuseppe messa a disposizione dall’Università del Piemonte Orientale di Vercelli, ha toccato un tema purtroppo molto attuale visti gli ultimi incidenti mortale verificatisi sulle strade della provincia, in due dei quali hanno perso la vita un giovane di 24 anni e un ragazzo di appena 17.

La manifestazione, organizzata dalla Questura e dalla Sezione di Polizia Stradale di Vercelli, si propone di aumentare la consapevolezza sociale sul fenomeno della mortalità ed incidentalità grave sulle strade europee; richiamare l’attenzione degli utenti della strada sulla necessità di riallinearsi agli obiettivi europei relativi alla riduzione del 50% del numero di vittime sulle strade per il 2023; dimostrare che, con un ampio sostegno da parte della collettività, si può essere in grado di ridurre il numero delle vittime e dei feriti gravi sulle strade europee.

Relativamente alle tematiche trattate, Cinzia Principio, dirigente della sezione Polizia Stradale di Vercelli, ha affrontato il tema della sicurezza stradale con riferimento ai fattori di rischio derivanti dall’abuso di alcool e dall’uso di sostanze stupefacenti, nonché dalla velocità eccessiva e dall’utilizzo del cellulare alla guida, illustrando con filmati e ricostruzioni di incidenti recentemente accaduti le drammatiche conseguenze di comportamenti scorretti, superficiali e pericolosi. 

Vincenzo Amenta, responsabile del Servizio Dipendenze dell’Asl di Vercelli, ha spiegato agli studenti presenti gli effetti sia fisici che psichici derivanti dall’assunzione anche occasionale di alcool in maniera smodata e sostanze stupefacenti, scendendo poi nello specifico circa gli effetti devastanti di ogni singola droga.

Grande successo nella giovane platea ha riscosso il “testimonial” dell’evento, il campione di Motocross Freestyle Vanni Oddera che ha illustrato diverse iniziative benefiche tra cui la mototerapia e il freestyle hospital, di cui è stato fondatore, che avvicina  la moto a disabili e all’interno degli ospedali pediatrici, facendo vivere momenti di spensieratezza a persone che lottano con serie patologie. Oddera ha concluso l’incontro invitando i ragazzi, con un linguaggio molto diretto e impattante, a non buttare via la vita sulla strada con condotte di guida scorrette e pericolose. 

Al convegno, moderato da Laura Musazzo, referente provinciale del Coni, erano presenti diverse autorità, che hanno portato un indirizzo di saluto: il Prefetto di Vercelli Lucio Parente, il Questore Giuseppe Mariani, il presidente della Provincia Davide Gilardino, la direttrice dell’Asl Eva Colombo, e la dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Concetta Parafioriti. 

«L’iniziativa odierna - spiegano dalla Questura - è la prima dell’anno scolastico appena iniziato, nel quale continuerà costante l’attività di prossimità in ambito scolastico condotta dalla Polizia di Stato con la collaborazione delle altre Istituzioni interessate e in costante contatto con gli Uffici Scolastici della provincia».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore