/ Attualità

Attualità | 27 novembre 2022, 08:16

Volontari: il «grazie» della Regione per l'impegno contro la pandemia

Anche i vercellesi presenti a Leinì alla giornata voluta dal presidente Alberto Cirio.

Volontari: il «grazie» della Regione per l'impegno contro la pandemia

La Regione Piemonte ha ringraziato il volontariato per l'impegno profuso in occasione dell'emergenza covid19 con una cerimonia che si è svolta a Leinì nel corso della quale sono stati consegnato un attestato e una targa a ognuna delle componenti del sistema Protezione Civile. Presenti circa 500 volontari di tutta la regione, il Capo Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, che si è fermato per i saluti per poi ripartire per seguire l’emergenza alluvione a Ischia, il presidente della Regione Alberto Cirio, l'assessore alla Protezione Civile Marco Gabusi, il ministro per la Funzione Pubblica Paolo Zangrillo, la senatrice Paola Ambrogio, l'assessore alla Protezione Civile del comune di Torino Francesco Tresso, il sindaco di Leinì Renato Pittalis, il Coordinatore Regionale del Volontariato Marco Fassero, il dirigente regionale di Protezione civile Franco De Giglio, oltre ai presidenti di tutti i Coordinamenti Provinciali del Piemonte. 

A dare il benvenuto ai volontari il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio: «Ho voluto dare la mano, uno per uno, a ogni volontario, perché in questi anni di pandemia pur incontrandoci non abbiamo mai potuto farlo. Ma proprio una stretta di mano, un abbraccio, sono per persone straordinarie come i nostri volontari il riconoscimento più importante e prezioso. Ho voluto questa giornata per dare loro l’abbraccio grande del nostro Piemonte. Il segno della riconoscenza per ciò che ci donano, ogni giorno, con il loro impegno e la loro passione». 

Il ministro per la Pubblica Amministrazione Paolo Zangrillo ha dichiarato  “È stato per me un dovere partecipare perché senza il contributo dei volontari non avremmo superato i momenti duri della pandemia. Ho voluto restituire ai volontari della Protezione civile la gratitudine e la riconoscenza che meritano, esempio di responsabilità e dell’Italia migliore. Il mio impegno da ministro sarà quello di ricordare il lavoro che viene portato avanti ogni giorno dai volontari con generosità e dedizione».

«Ringraziare chi, in un momento di emergenza come quello della Pandemia ha dato, senza sosta, un sostegno concreto e costante è un atto dovuto – ha commentato l’assessore alla Protezione civile Marco Gabusi - Oggi è come parlare con una grande famiglia, una famiglia con la quale in questi anni abbiamo stretto un legame forte. Voglio ringraziare tutti  i 10.000 volontari  che si sono spesi in questi 3 anni. Persone che oltre a fare parte di questa famiglia, hanno la propria famiglia, il proprio lavoro e non hanno esitato comunque nel dedicarsi alla comunità».

Nel corso della cerimonia sono state consegnate le targhe di riconoscimento alle componenti istituzionali AIB (Anti incendio boschivi), Cri (Croce Rossa Italiana), Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze),  Anc (Associazione Nazionale Carabinieri), Soccorso Alpino, Ana (Associazione Nazionale Alpini), al Coordinamento Regionale Protezione Civile e agli otto coordinamenti territoriali di altrettante province Piemontesi.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore