/ Santhiatese

Santhiatese | 18 novembre 2022, 08:41

Alice Castello conferisce la cittadinanza onoraria all'Arma dei Carabinieri

Domenica 4 dicembre, cerimonia solenne alla presenza del generale di brigata Antonio Di Stasio «Onorato per questo evento» dice il sindaco Luigi Bondonno.

Il sindaco Luigi Bondonno e il generale di brigata Antonio Di Stasio

Il sindaco Luigi Bondonno e il generale di brigata Antonio Di Stasio

Domenica 4 dicembre il Comune di Alice Castello conferirà la cittadinanza onoraria all'Arma dei Carabinieri con una cerimonia solenne alla presenza del generale di brigata Antonio Di Stasio, Comandante della Legione Piemonte e Valle d'Aosta. "Ho appreso con grande piacere che a ritirare la cittadinanza onoraria ai Carabinieri sarà il generale Di Stasio -  commenta il sindaco Luigi Bondonno - la sua presenza è davvero un grande onore per la nostra comunità " E prosegue: "L'idea, nata per far comprendere quanto gli uomini e le donne della locale stazione di Santhià fossero parte integrante di Alice Castello, è diventata occasione per riconoscere all'intera Arma un ruolo unico di impegno a favore della sicurezza dei cittadini e di garanzia dello Stato democratico".

Il programma prevede una serie di eventi significativi aperti a tutta la cittadinanza. Si inizia alle  9.15, presso la Casa degli Alicesi in Piazza Cagliano, ove si assisterà all'alzabandiera con il saluto delle Autorità e dei militari presenti. La consegna in forma ufficiale della cittadinanza onoraria all'Arma nelle mani del gen. Di Stasio è prevista invece per le 10; a seguire la Santa Messa in onore del patrono del paese, San Nicolao. L' intera  cerimonia verrà accompagnata in ogni fase del suo svolgersi dalla  Banda musicale "D.Lepora" diretta dal maestro Gianni Sarasso. 

La partecipazione del generale  Di Stasio rappresenta un eccellente riconoscimento della volontà espressa dallo stesso Ufficiale Generale durante la cerimonia di insediamento a Torino nel giugno scorso quando è subentrato al generale Aldo Iacobelli, ovvero che  “l’Arma debba essere l’Arma della gente e fra la gente”. La promessa di rivolgere grande attenzione alle stazioni territoriali dei carabinieri ritenute il front office dello Stato “soprattutto in quei paesi dove l’Arma è unica presenza” trova nelle sue azioni pieno compimento.

A tal proposito il sindaco Bondonno conclude ringraziando il Comandante della locale stazione dei Carabinieri di Santhià, per la costante ed efficiente collaborazione. “Colgo l’occasione per rinnovare la mia stima personale nei confronti del luogotenente Salvatore Lobrano - chiosa - e sopratutto rendere degna riconoscenza del suo operato. È stato fondamentale per la realizzazione di questo importante evento”.

r.f.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore