/ Spettacoli

Spettacoli | 11 novembre 2022, 13:02

Un Trio d'eccezione per il nuovo appuntamento dedicato a Mozart e Šostakovič

Stagione del Quartetto: al Museo Borgogna suonano Tina Vercellino, Christiana Coppola e Mario Coppola.

Christiana Coppola, 18 anni

Christiana Coppola, 18 anni

Un talentuoso trio è atteso, alle 21 di questa sera, venerdì 11 novembre, al nuovo concerto che la Stagione della Società del Quartetto, dedica al parallelo tra Mozart e Šostakovič. L'appuntamento è in programma al Museo Borgogna alle ore 21: in scena il trio con pianoforte composto dalla violinista Tina Vercellino, dalla violoncellista Christiana Coppola e dal pianista Mario Coppola.

Le due giovanissime interpreti - Vercellino ha 23 anni mentre Coppola 18 appena - sono fra le più interessanti strumentiste che si affacciano sulla scena musicale italiana, già protagoniste in importanti concerti per prestigiose istituzioni italiane e straniere.

La scelta del programma della serata vercellese cade su due importanti opere rappresentative del repertorio per trio con pianoforte: il Trio in do maggiore K 548 di Mozart e il Trio N. 2 in mi minore op. 67 di Dmitrij Šostakovič.

Il Trio in do maggiore fu composto da Mozart nell’estate del 1788. Una cellula musicale in apertura sembra rimandare alle Nozze di Figaro, opera di tre anni precedente. è difficile non sentire lo spirito di Figaro emergere in questa composizione. Le conversazioni tra i personaggi dell’opera si trasformano in conversazioni tra strumenti in un dramma che si svolge in modo diverso, eppure per certi versi uguale.

Il Trio di Shostakovich è notevole per una serie di ragioni. Fu scritto nel 1944, subito dopo la sua Sinfonia n. 8, con la quale condivide la struttura generale; è un grido di dolore sia per la scomparsa dell’amico Ivan Sollertinsky, sia per le vittime dell’Olocausto; ed è il suo primo lavoro a utilizzare un “tema ebraico”, un omaggio musicale che utilizzava le scale e i ritmi della musica popolare ebraica.

A soli 21 anni, Tina Vercellino, che si è formata all’Istituto Musicale Lorenzo Perosi di Biella, ha già seguito masterclass con grandi nomi del violinismo internazionale, come Boris Kuschnir, Roberto Ranfaldi, Rudens Turku, Virginie Robilliard, Lukas Hagen, Marco Rizzi e ha partecipato al Berkshire Summer Music di New York. Dal 2020 è primo violino di spalla dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole. Attualmente studia al Conservatorio di Torino con Piergiorgio Rosso e all’Accademia di Portogruaro con Ilya Grubert ed Eliot Lawson.

Nata a Napoli nel 2004 da una famiglia di musicisti, inizia lo studio del violoncello all’età di 7 anni; a soli 12 viene ammessa al Conservatorio “G. Cantelli” di Novara, nella classe di Gaetano Nasillo, dove ha conseguito, con concessione riservata alle precocità, il Diploma di Primo Livello con votazione 110 lode e menzione d’onore. Si è esibita diverse volte in veste solistica e cameristica. Ha già vinto numerosi premi tra cui il Premio “Gewa Young Contest” (unica violoncellista premiata).

Mario Coppola, formatosi giovanissimo alla prestigiosa scuola pianistica napoletana, ha studiato con Marisa Carretta, Aldo Ciccolini e Sergio Fiorentino. Parallelamente frequenta i corsi di Musica da Camera con il Trio di Trieste e Bruno Canino. Tra i concerti più rilevanti si annoverano quelli tenuti alla Solemnityhall di Helsinki, Palau de la Musica di Barcellona, Bosendorfer Hall di Bruxelles, i concerti del Quirinale in diretta Radio Tre, Accademia Filarmonica Romana, Teatro Sannazaro di Napoli e Teatro di Corte, Teatro Lauro Rossi di Macerata nella duplice veste di solista e direttore.

I biglietti sono disponibili alla Società del Quartetto, via Monte di Pietà 39 a Vercelli, ore 15,30-18, oppure si possono prenotare telefonicamente al n. 0161255575 o con email: biglietti@quartettovercelli.it.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore