Spettacoli - 29 settembre 2022, 14:12

Silvio Orlando, Accorsi. Solfrizzi e Gioele Dix: al Civico una stagione di grandi nomi

Presentato il cartellone 2022-'23: dai classici al comico, dal balletto alla musica. In via di definizione i concerti

Silvio Orlando, Accorsi. Solfrizzi e Gioele Dix: al Civico una stagione di grandi nomi

Dieci spettacoli in abbonamento, una produzione di balletto e due appuntamenti con i comici. Dall'autunno 2022 alla primavera 2023, la Stagione del Teatro Civico, porta in città grandi nomi del teatro, i classici della prosa e innovative coreografie della danza contemporanea.

Silvio Orlando, Stefano Accorsi, Massimo Popolizio, Neri Marcorè, Emilio Solfrizzi, Jurij Ferrini, Gioele Dix e Giacomo Poretti sono alcuni dei nomi che calcheranno le scene di un Teatro Civico oggetto di numerosi interventi di restauro.

«A Vercelli cultura significa musica, teatro, mostre ed eventi» dice il sindaco Andrea Corsaro presentando il calendario della stagione insieme agli assessori Mimmo Sabatino e Gianna Baucero e con Nadia Macis di Piemonte dal Vivo. E, ricordando gli anni della pandemia appena trascorsi, il primo cittadino aggiunge: «Recuperiamo le occasioni di socialità e condivisione in uno spazio di scambio reciproco tra attori e spettatori. La Stagione, al Teatro Civico, consente di concretizzazione un’offerta culturale di alto livello, con i classici, gli spettacoli di musica e comicità».

Undici gli spettacoli inseriti nel cartellone della Fondazione Piemonte dal Vivo presentati da Nadia Macis: si parte il 22 novembre con "Furore" che Massimo Polpizio porta in scena dal romanzo di Steinbeck; si prosegue con "Inferno", coreografia di danza contemporanea sull'invadenza dell'ego; l'11 dicembre arriva Silvio Orlando con "La vita davanti a sé"; l'8 gennaio tocca a "Cyrano de Bergerac" con Arturo Cirillo e Valentina Picello; il 21 incursione nel mondo musicale con Neri Marcorè che presenta "Le mie canzone altrui" un concerto che strizza l'occhio ai brani importanti nella formazione dell'attore. 

Febbraio si apre con Emilio Solfrizzi e "IL malato immaginario" di Molière e prosegue, il 23 con "Otello" portato in scena da Jurij Ferrini. "Azul. Gioia, furia, fede y eterno amor" è lo spettatolo interpretato da Stefano Accorsi mentre, il 2 aprile, Gioele Dix dà voce alle atmosfere di Dino Buzzati. Infine, il 21 aprile "Funeral Home", con Giacomo Poretti e Daniela Cristofari chiude con un sorriso la stagione in abbonamento.

Fuori abbonamento, il 16 dicembre, va in scena "La Fabbrica dei Sogni", balletto ispirato a vecchi e nuovi personaggi delle fiabe.

Per i comici, il Contato del Cavavese propone l'appuntamento - sempre apprezzato - con "I Legnanesi" e "Il giaguaro mi guarda storto" con Teresa Mannino.

«Dal 7 al 19 ottobre - ricorda Macis - gli abbonati della vecchia stagione possono esercitare il diritto di prelazione; dal 21 ottobre al 22 novembre al Civico, sarà invece possibile sottoscrivere gli abbonamenti nuovi». 

A ricordare la magia del teatro come luogo di spettacolo, finzione ma anche di profonda realtà e di introspezione è stata l'assessore Baucero, mentre il collega Sabatino ha ricordato che «Il programma della stagione si basa su un equilibrio studiato fra tradizione e innovazione. Oltre al segmento comico, organizzato grazie alla collaborazione con Il Contato del Canavese, stiamo lavorando per l'organizzazione di alcuni concerti di richiamo».

fr

Ti potrebbero interessare anche:

SU