/ Cronaca

Cronaca | 05 settembre 2022, 19:26

Bilico finisce nella scarpata: paura per l'autista e sversamento di carburante - FOTO

Borgosesia: l'area verrà monitorata per i prossimi giorni dai tecnici ambientali di Arpa e, nel caso, interverranno i Vigili del Fuoco

Bilico finisce nella scarpata: paura per l'autista e sversamento di carburante - FOTO

Momenti di preoccupazione per l'autista e per il possibile inquinamento del terreno, nella mattina di lunedì a Borgosesia, dopo che un bilico, uscito, di strada, è finito in una scarpata fermandosi a pochi metri dal fiume Sesia, con il conseguente sversamento di carburante nel terreno.

L'incidente è avvenuto intorno alle 11, sulla provinciale 299, sponda destra del Sesia, in prossimità di Isolella, in regione Scalagna: un bilico, che viaggiava in direzione Borgosesia, è finito fuori strada rovesciandosi nella scarpata tra la sede stradale e il Sesia.

A intervenire per i primi soccorsi, gli accertamenti e la gestione della viabilità è stata la Polizia locale: il comandante Barberis Negra e due agenti della Municipale si sono precipitati sul luogo dell’incidente, hanno subito provveduto a far scorrere il traffico e a attivare le necessarie misure di sicurezza. In primo luogo, hanno chiamato i soccorsi per il conducente, un uomo di mezza età proveniente dalla zona del Canavese, che fortunatamente - nonostante lo choc - era in buone condizioni, anche se per sicurezza è stato trasportato all’ospedale di Borgosesia dove è stato trattenuto in osservazione. Si sono poi verificate le condizioni del mezzo e si è provveduto ad avviare l’indagine per comprendere la dinamica del sinistro.

Secondi quanto è stato possibile ricostruire, l’automezzo è prima finito contro il muro a destra della carreggiata che stava percorrendo quindi, ormai del tutto fuori controllo, ha attraversato l’altra corsia e, sfondando il guard-rail, si è ribaltato lungo la scarpata, interrompendo la sua corsa a soli 5 metri dal greto del fiume. 

Data la posizione orizzontale del camion, di lì a poco dal serbatoio ha cominciato a fluire il carburante, infiltrandosi nel terreno, con non poca preoccupazione degli agenti, che hanno subito allertato una ditta specializzata per svuotare il serbatoio contenendo così il danno ambientale. Fortunatamente, nessun problema è derivato dal carico, trattandosi di materiale solido ferroso. 

Nel primo pomeriggio sono arrivati i tecnici dell’Arpa, per valutare gli effetti dell’infiltrazione. L’area sarà mantenuta sotto osservazione, in caso nei prossimi giorni dovessero evidenziarsi macchie iridescenti nell’acqua del Sesia sarà necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per le apposite operazioni di bonifica. 

Fortunatamente negli attimi in cui tutto è successo sulla strada non transitavano altri veicoli; dunque, sono state scongiurate conseguenze ben più gravi. 

«Non è stato necessario interrompere il traffico – conclude il comandante Barberis Negra – perché la sede stradale è rimasta sempre libera, essendo il mezzo sprofondato nella breve scarpata verso il fiume. A breve la ditta a cui il camion è intestato dovrà provvedere a rimuoverlo, operazione che richiederà una gru di dimensioni non indifferenti, viste le dimensioni del mezzo e il peso del carico».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore