Attualità - 04 settembre 2022, 18:00

"In campo per lei": in nove mesi uccisa una donna ogni tre giorni

Sfida tra la Nazionale sindaci e la rappresentativa di Veterani e amministratori locali per sostenere i centri antiviolenza Eos e Cisas

"In campo per lei": in nove mesi uccisa una donna ogni tre giorni

 

«A oggi sono 72 le donne uccise da mariti, compagni, fidanzati: una ogni tre giorni con un incremento del 5% rispetto allo stesso periodo del 2021. Purtroppo solo il 28% ha il coraggio di denunciare le violenze subite, con una età compresa tra i 30 e 49 anni». E' Lella Bassignana, referente del Nodo Antidiscriminazioni della Provincia di Vercelli, a tracciare i contorni di un fenomeno che rappresenta un vero e proprio allarme sociale.

Per tenere accesa l'attenzione sul tema della violenza di genere, ma anche per sostenere i due centri antiviolenza presenti sul territorio, ieri sabato 3 settembre, al Centro sportivo Bedon di Santhià, si è giocata la partita “In campo per lei”  tra la Nazionale di Calcio Sindaci e una formazione di Veterani Vercellesi e amministratori.

 

La partita, ideata da Doriano Bertolone, presidente Cisas e sindaco di Salsco, è stata organizzata per sensibilizzare contro la violenza sulle donne e raccogliere fondi per i due Centri Antiviolenza per le Donne di Santhià e Vercelli: a sostenere la manifestazione Provincia e Comune di Vercelli, Cisas, Ascom e Nodo antidiscriminazione.

Il I° trofeo “ In campo per lei” se l’è aggiudicato la Nazionale dei Sindaci con il presidente Mirko Patron, vincendo per 4 a 3. A premiare i vincitori sono stati: il sindaco di Santhià Angela Ariotti, il consigliere provinciale Gian Mario Morello in rappresentanza del presidente della provincia Davide Gilardino e l’assessore del comune di Vercelli  Mimmo Sabatino in rappresentanza del sindaco Andrea Corsaro. 

Durante la premiazione il principale organizzatore dell’evento il presidente del Cisas Bertolone ha sottolineato: «Questa iniziativa è stata organizzata principalmente per tre motivi: esprimere la nostra solidarietà a tutte le donne vittime di violenza; sensibilizzare l'opinione pubblica affinché si prenda atto che questo è un problema che coinvolge tutti e far conoscere quali sono  le strutture e gli strumenti  presenti sul nostro territorio».

 Alla premiazione erano presenti: i consiglieri provinciali Pier Mauro Andorno e Maria Cristina Patrosso, l’assessore alle Politiche sociali e rappresentante del centro antiviolenza Eos del Comune di Vercelli Ketty Politi, il direttore del Cisas Andrea Lux, la presidente del Casa di Gattinara Cristina Baraggioni. 

Patron in ricordo della giornata ha donato il pallone realizzato per finanziare la ricerca per le malattie dei bambini che è stato consegnato in rappresentanza dei centri antiviolenza Cisas ed Eos  alla referente del Nodo provinciale contro le discriminazioni  Lella Bassignana.

«Quello di oggi è un messaggio importante che arriva dagli uomini – ha sottolineato Bassignana – La violenza sulle donne è una emergenza e come tale va affrontata».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU