/ Cronaca

Cronaca | 27 agosto 2022, 22:07

Lutto per Mattia Licata: il vercellese piange un giovane di soli 28 anni

Appassionato cuoco, lascia un grande vuoto nella famiglia e tra gli amici di Palazzolo e Fontanetto Po

La foto che gli amici hanno scelto per ricordare Mattia Licata

La foto che gli amici hanno scelto per ricordare Mattia Licata

«La tua Palazzolo che tanto adoravi ti ricorderà per sempre». Grandissimo dolore e sconcerto, nel vercellese e nel vicino casalese per morte di un giovane, Mattia Licata, spirato all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli dove era stato ricoverato per l'aggravarsi della malattia che lo aveva colpito e che lui affrontava con coraggio e determinazione.

A piangere il giovane sono i moltissimi amici di Palazzolo, dove viveva, di Trino e di Fontanetto Po, dove il padre, Massimo, aveva vissuto per tanti anni, e la madre, Katia, aveva gestito una panetteria, come ricorda in un post il sindaco del paese, Riccardo Vallino. «Ci sono notizie che non vorresti mai sentire. Un ragazzo di 28 anni che ci lascia. Il papà Massimo ha vissuto per tanti anni in paese, è stato un amico e mio compagno alle elementari. La mamma Katia è un’amica che per alcuni anni ha tenuto la panetteria qui da noi. A Katia, Massimo e a Lorenzo va un forte abbraccio da parte di tutta la comunità fontanettese, vi siamo vicini».

Il giovane aveva coltivato la sua passione per la cucina frequentando l’Istituto Alberghiero Artusi di Casale e, successivamente, lavorando come cuoco. Si stava costruendo una reputazione professionale e, grazie a competenze e intraprendenza, aveva ottenuto anche alcune importanti affermazioni. Come gli apprezzamenti ottenuto per il suo locale torinese, "La fassoneria", che era parte di un progetto importante di promozione della carne piemontese di qualità.

Resterà il ricordo delle nostre cenette», scrive chi gli era più vicino e aveva condiviso i momenti belli della gioventù e anche quelli difficili della malattia. Allegro, sorridente ma anche determinato il giovane lascia un grande vuoto in famiglia e tra gli amici.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore