/ Cronaca

Cronaca | 16 giugno 2022, 17:26

Controlli a tappeto contro vandalismo e disturbo della quiete pubblica

Le decisioni del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza

Controlli a tappeto contro vandalismo e disturbo della quiete pubblica

Rispetto del regolamento comunale in materia di polizia urbana e delle regole di civile convivenza e mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica. Si muoverà entro questo perimetro il piano di controllo che le istituzioni mettono in campo per prevenire e contrastare i problmeni dati dalla "movida" estiva.

Il tema è stato trattato nel corso del Comitato provinciale per l'Ordine e la Sicurezza che si è riunito mercoledì, presieduto dal Prefetto di Vercelli, Lucio Parente. All'incontro hanno partecipato il sindaco, Andrea Corsaro, il questore, Maurizio Di Domenico, il consigliere provinciale, Gian Mario Morello, il comandante dell’Arma dei Carabinieri, Emanuele Caminada, il comandante della Guardia di Finanza, Ciro Natale, il comandante della sezione della Polizia stradale, Francesco Stanizzi, e il comandante della Polizia Municipale di Vercelli, Ivana Regis: l'obiettivo era mettere in campo azioni mirate, nell’ambito del sistema integrato di sicurezza, a ottenere prevenzione e controllo del territorio da parte di tutte le componenti delle Forze di Polizia e con il fondamentale contributo della Polizia locale, considerandoo che il periodo estivo richiederà un maggior impegno a fronte degli innumerevoli eventi previsti in città e in provincia.

Movida e disturbo alla quiete pubblica

La completa riapertura delle attività di intrattenimento e soprattutto il ritorno della stagione estiva ha riproposto il problema di comportamenti molesti, di disturbo della quiete pubblica, di atti vandalici e di episodi di inciviltà e di turbativa.

«Sul punto - si legge in una nota della Prefettura - il Comitato ha preso atto delle attività e delle iniziative finora svolte da parte delle forze dell’ordine e della Polizia locale e in particolare dei provvedimenti di temporanea chiusura di alcuni locali che hanno evidenziato una forte attrazione per soggetti inclini all’illegalità e a comportamenti inurbani, nonchè dei provvedimenti di divieto di accesso a determinate aree urbane, adottati dal Questore».

In considerazione dell’acuirsi del fenomeno favorito dalla stagione estiva, si è convenuto sull’esigenza di proseguire nell’attività di costante monitoraggio delle aree interessate e di prevedere una coordinata pianificazione di mirati servizi da parte delle forze dell’ordine e della Polizia municipale, soprattutto nelle ore serali e notturne dei fine settimana, nel centro storico e nei luoghi in cui il fenomeno ha prodotto maggiori disagi. 

I servizi saranno rivolti anche a verificare il rispetto del regolamento di Polizia urbana e della civile convivenza tra le persone.

Nei prossimi giorni si terrà in Questura un tavolo tecnico per delineare più nel dettaglio gli aspetti operativi occorrenti alla attuazione pianificata dei servizi.

Infine, proprio su queste problematiche, Prefetto, Questore e Comandanti Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, ha incontrato i rappresentanti di Acom e Confesercenti per un momento di confronto, al fine condividere le strategie da prevedere per una più efficare azione di prevenzione con la collaborazione degli stessi gestori e addetti degli esercizi pubblici.

 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore