/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 26 maggio 2022, 11:18

La Fieschi Letter: in Sant'Andrea una serata di storia e... misteri

Ivan Fowler dialogherà con l'assessore Gianna Baucero sul misterioso destino di re Edoardo II

La Fieschi Letter: in Sant'Andrea una serata di storia e... misteri

Un vero e proprio "mistero storico" collegato a una lettera che contiene rivelazioni sorprendenti sull'omicidio di Edoardo II, controverso sovrano inglese vissuto nel tardo medioevo. Un testo particolarmente affascinante se si pensa che la lettera in questione è stata scritta da un vescovo di Vercelli.

A parlare della Fieschi Letter e della misteriosa vicenda che vi ruota attorno sarà, venerdì sera, Ivan Fowler coordinatore di “The Auramala Project” - progetto internazionale di ricerca che tenta di gettare luce, attraverso indagini d’archivio e genetiche, sul vero destino di re Edoardo II. Fowler dialogherà con Gianna Baucero, assessore agli Eventi Culturali del Comune nel corso di una serata che viene ospitata venerdì all'interno della Basilica di Sant'Andrea, a partire dalle 20,45: una serata che si annuncia ricca di suggestioni. In particolare si parlerà della “Fieschi Letter”, una lettera indirizzata al sovrano inglese Edoardo III e ritrovata nell’Ottocento nei pressi di Montpellier. La lettera è scritta dal Vescovo di Vercelli Emanuele Fieschi e contiene rivelazioni sorprendenti.  Alcuni elementi emersi nel corso dei secoli in merito alla missiva e alla vicenda di Edward II, oltre a smentire le costruzioni letterarie, potrebbero portare a riscrivere la storia ufficiale…

Il documento rivelerebbe che l’assassinio di Edoardo II - compiuto a quanto si tramanda su mandato della moglie - in realtà non sarebbe accaduto, poiché il re, liberato da un servitore leale, sarebbe fuggito in abiti plebei molto lontano, in Italia. La storiografia ufficiale britannica però non ha dubbi in proposito: Edoardo II, deposto da moglie e figlio trascorse alcuni mesi nel castello di Berkeley e lì sarebbe morto per cause naturali il 21 settembre 1327.

La scelta del luogo dell’evento, ad ingresso libero, non è casuale, infatti la Basilica di Sant’Andrea ben si presta alla narrazione della storia. Per l’occasione la Basilica ed il chiostro saranno illuminati soltanto da candele per permettere al lettore di immergersi nell’atmosfera dell’epoca e della vicenda narrata.

Storia? Leggenda? Letteratura? Sarà possibile scoprirlo nell’avvincente libro di Ivan Fowler dove si narra della squadra internazionale di ricercatori impegnata nell’Auramala Project, che sta cercando di risolvere l’enigma. L’obiettivo è stabilire come e persino dove sia morto Edoardo II. Sì, perché al più controverso re inglese del Medio Evo sono attribuite due tombe: una nella cattedrale di Gloucester e un’altra all’eremo di Sant’Alberto di Butrio, sull’Appennino Pavese in Valle Staffora.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore