/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 01 maggio 2022, 20:20

Rizzo: «È un sogno, il merito è dei miei compagni»

Alex Casella: «Siamo tornati solidi, pensiamo alla prossimo»

Rizzo: «È un sogno, il merito è dei miei compagni»

«È stata un’emozione bellissima, in settimana avevamo preparato tanto i rigori ed è andata bene» dichiara cosi l’eroe di giornata Matteo Rizzo. Il giovane portiere della Pro Vercelli poi prosegue: «Pensiamo alla prossima senza adagiarsi, vedremo cosa succederà».

 

Nessuno si aspettava che tu fossi cosi forte, oggi la parata più importante dell’anno?: «Per me è ancora tutto un sogno, non sto ancora realizzando il tutto. Prima o poi mi sveglierò: i compagni mi hanno aiutato tanto. Comi, prima del rigore, è venuto a darmi che si fidava di me e che lo avrei parato. È merito dei miei compagni, Alex Valentini mi aiuta molto e mi riempie di consigli: posso solo ringraziarlo».

 

A commentare la gara è stato anche il Direttore Sportivo della Pro Vercelli Alex Casella, il quale ha risposto alle domande dei cronisti presenti. Passaggio del turno, partita combattuta ed un grande Rizzo?: «Abbiamo sfruttato il fattore campo bene: avere due risultati su tre ci ha premiato. Abbiamo avuto due occasioni dove potevamo andare in vantaggio. Siamo stati bravi a concedere solo il rigore ed una palla pericolosa nel secondo tempo. Loro sono una squadra in salute, hanno avuto una serie di risultati utili impressionante: erano a pochi punti dalla retrocessione ed ora sono ai Playoff. Sono in forma come la Pro Patria, il Sudtirol ed il Padova. C’erano molte incognite, avevamo più da perdere noi che loro che erano liberi di testi. Nel caso fossero passati loro, per come hanno fatto questi ultimi due mesi, non avrebbero rubato nulla a nessuno. Sono soddisfatto, i ragazzi e lo staff hanno fatto bene in settimana e si è visto: ci son otre, quattro occasioni grosse. L’importante era passare il turno. Rizzo ha risposto presente, ha fatto un’altra prestazione importante: non sembra un ragazzino. Nel rigore ha fatto il contrasto sulla ribattuta bellissima: bisogna valorizzare quello. Anche nel primo tempo ha fatto bene, noi siamo solo contenti di quello che sta facendo. Pensiamo alla prossima».

 

Era una Pro più attendista?: «Nel primo tempo poche occasioni, solo Bunino aveva un’occasione in più da gol. La prestazione si è vista nel secondo tempo dove abbiamo creato di più, ma solo perché son saltati gli equilibri. Vitale ha fatto meglio nel secondo tempo, idem Belardinelli. Mentalmente il vantaggio diventa un freno, con il passare dei minuti escono le qualità. Ci è mancato il guizzo, con il gol sarebbe stata un’altra partita».

 

Ancora pochi gol presi?: «Il mister ha lavorato su questo, è una sua caratteristica: vuole dare solidità. Il Mister ha lavorato su questi principi e si sono ritrovati, sono la base di questi Playoff».

 

Il pubblico mugugnava sui cambi?: «Il pubblico è legittimato a dire come la pensa. Lo staff tecnico e l’allenatore fanno le scelte, per me queste hanno premiato.  Il primo obiettivo è raggiunto, siamo soddisfatti. Della Morte deve fare una radiografia. Vediamo cosa dirà l’esito».

Alessandro Borasio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore