/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 23 aprile 2022, 13:20

«Domani daremo il massimo. Poi comincia un altro campionato»

Le dichiarazioni del tecnico della Pro Vercelli Franco Lerda alla viglia della trasferta di Mantova

«Domani daremo il massimo. Poi comincia un altro campionato»

Mantova-Pro Vercelli, ultimo atto. Con due squadre che scenderanno in campo con un solo obiettivo: i tre punti.

Ecco la consueta conferenza stampa del tecnico della Pro Vercelli, Franco Lerda.
«Per loro è una partita fondamentale. Per noi anche. Noi vogliamo, punto primo, finire bene e, punto secondo, conquistare la miglior posizione per la griglia dei plau off.»

Nella Pro ci sono cinque diffidati. Insomma, possono arrivare squalifiche che possono penalizzare la squadra nella fase finale.
«Non bado a questo. Io schiero sempre la miglior formazione. Guardo altro. Che poi. Vincere, significherebbe saltare un turno, anticipare una partita.»

Fuori Emmanuello e Vitale, i due titolari della mediana di centrocampo. Per due ruoli, lei ha a disposizione Belardinelli, Louati e Jocic.
«Sì, tre giocatori che stanno bene e sui quali posso contare. Jocic ha meno minutaggio di tutti, ma è un elemento di valore. Quando è arrivato non era al massimo della condizione, poi è stato fuori per scelte tecniche. Ma è cresciuto, è un bravo ragazzo. Avrà modo di rendersi uitile in questa fase finale.»

Mister, due parole sulla difesa della Pro Vercelli. Nel gioco aereo non ci sono problemi. Cristini, per esempio, è uno dei giocatori più forti di testa del girone. I tifosi, a volte, lamentano una certa lentezza. È anche vero che il discorso vale per le difese avversarie, quando patiscono il passo di Panico o Della Morte.
«Il difensore ideale è alto un metro e novanta, è veloce, forte di testa, bravo tecnicamente. Ma è appunto ideale. Io di questa difesa, di questi ragazzi, sono soddisfatto al cento per cento.»

La Pro Vercelli e Lerda. I numeri dicono che 9 vittorie, 8 pareggi e 3 sconfitte fanno una media di 1,8 punti a partita. Una media da quarto posto. Da lunedì si pensa ai play off, ma il bilancio parziale non può che essere positivo.
«È un dato di fatto che, da quando sono arrivato, solo Padova e Sudtirol hanno fatto meglio di noi. Non è stato facile, non era facile. Quando subentri hai sempre poco tempo. Devo dire che sono stati bravi i ragazzi, hanno dato il massimo e abbiamo fatto un buon cammino nonostante gli infortuni. Prima Belardinelli, bloccato dalla pubalgia, poi Emmanuello... elementi importanti di un reparto che si è privato di Awua. Senza dimenticare Bunino, quando sono arrivato stavo bene, poi ha subito un infortunio alla caviglia, e ne sta ancora risentendo. Ecco, nonostante tutto ciò siamo riusciti a trovare un giusto equilibrio.»

La conclusione.«Domani daremo il massimo e poi... poi comincia un altro campionato.»

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore