/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 23 aprile 2022, 12:54

"Pan": un grande romanzo sulla pandemia

Federico Audisio di Somma, medico e scrittore (vinse il Bancarella nel 2002), ha dialogato sul suo libro con Gianna Baucero al Piccolo Studio

Federico Audisio di Somma con l'assessore Baucero, al Piccolo Studio

Federico Audisio di Somma con l'assessore Baucero, al Piccolo Studio

Uomini e donne rinchiusi, impauriti. Siamo in un palazzo di via XX Settembre, a Milano, durante i giorni del primo lockdown, il peggiore. Giorni di incertezze, terrore. La pandemia ha stravolto tutto. Insomma, il palazzo è il simbolo di un mondo diverso, che deve fare i conti con il virus e con una nevrosi collettiva, ed è anche, quel palazzo, il luogo in cui abbiamo vissuto tutti noi. C'è la nostra storia, lì.

Si intitola “Pan”, è un romanzo sulla pandemia.

L'ha scritta Federico Audisio di Somma, medico e scrittore di valore: nel 2002, con “L'uomo che curava con i fiori” (Piemme) vinse il Bancarella piazzandosi davanti a un certo John Le Carrè.

Ospite del Comune di Vercelli, al Piccolo Studio, il medico-scrittore e il suo libro sono stati presentati dall'assessore alla cultura, Gianna Baucero.

«Un libro bellissimo, dall'architettura particolare. Rara. Un esempio? Le citazioni. Non sono uno sfoggio di erudizione, ma un dolce intercalare, che ci prende per mano e ci accompagna, pagina dopo pagina, in una storia affascinante, sebbene ambientata in giorni difficili, che non dimentichiamo» ha detto Gianna Baucero che ha dialogato con l'autore.

«In questo romanzo non ho spiegato la pandemia, non ho creato personaggi, non ho svelato verità. Ma ho raccontato un mondo. Personaggi e vicende sono arrivati da soli, mentre scrivevo. Ogni piano del palazzo è un capitolo, un conflitto. L'ho ambientato a Milano ma Milano è un pretesto: ci sono libri, mi viene in mente “Il giardino dei Finzi Contini”, che non hanno radici, perché appartengono al mondo.»

Dicevamo del palazzo. Dei suoi personaggi. Audisio di Somma si è scatenato e divertito, con loro.

C'è il no vax. C'è l'omosessuale. C'è il sessantenne con la russa poco più che ventenne, ma non è quel che sembra. Gente che si incontra e si scontra, perché la pandemia divide.

E ci sono soprattutto due medici, come l'autore. Uno dei due è medico tradizionale, legato a ciò che è ortodosso, l'altro, invece, è attento anche ad altre voci.

«In pratica uno scontro tra medicina attenta solo ai protocolli e medicina umanistica. La mia posizione? Semplice. Non sopporto le contrapposizioni che sono emerse durante la pandemia» ha detto Audisio di Somma.

E poi c'è “Pan”, lo spirito guida del libro. Tutto da leggere.

Basta prenderlo tra le mani, sfogliarlo, leggere alcuni passi. Mentre lo fai, pensi: Ho comprato un buon libro. Un gran bel libro.

("Pan", pubblicato da Sem, pagg.208, euro 18)

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore