/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 22 dicembre 2021, 09:40

Il Padova torna alla carica, Renate spazzato via

Il commento della ventesima giornata del campionato di Serie C girone A

Il Padova torna alla carica, Renate spazzato via

Si è concluso il ventesimo turno del campionato di Serie C girone A. Anche in questo turno le emozioni non sono mancate: vincono Padova, Triestina e Feralpi, pareggiano Albinoleffe e Juventus U23 mentre due gare (Pro Vercelli-Lecco e Virtus Verona-Südtirol) vengono rimandate per casi di positività al coronavirus. Andiamo, nel dettaglio, ad analizzare gli otto match disputati.

 

Le gare di martedì 21 dicembre

 

Ad aprire la giornata è stato il pareggio per 1-1 tra Pro Sesto e Giana Erminio. Durante il match, valido più per la salvezza che per altri obiettivi, sono i padroni di casa a passare in vantaggio: minuto 16, Grandi è più lesto di tutti e sblocca il match. Reagiscono nel secondo tempo gli ospiti dove, al minuto 53, pareggiano i conti grazie al gol di Perico. Al termine dei novanta minuti di gioco regolamentari la Pro Sesto si colloca diciannovesima con 16 punti a disposizione, la Giana si posiziona all’ultimo posto con un bottino di 15 punti. Pareggiano 1-1 anche Juventus U23 e Pergolettese. Le reti, entrambe nel secondo tempo, portano la firma di Brighenti (minuto 54) e Kevin Varas (dal dischetto al minuto 62). Al termine della gara i bianconeri volano al sesto posto in classifica dati i 28 punti conquistati da inizio stagione. La Pergolettese, invece, con 22 punti, si colloca momentaneamente quattordicesima.

 

Vince in trasferta per 0-1 la Triestina contro il Seregno. A decidere la gara, al novantesimo, è il forte attaccante degli ospiti Guido Gomez: i padroni di casa restano fermi a quota 23 e si collocano dodicesimi. La Triestina, dopo la nona vittoria stagionale, vola al quinto posto in classifica con ben 33 punti. Esce con le ossa rotte il Fiorenzuola che perde in casa per 0-2 contro la più attrezzata Feralpisalò. Gli ospiti vincono e convincono grazie alle reti di Denis Hergheligiu (minuto 21) e Spagnoli al quarantanovesimo. I padroni di casa restano fermi a quota 20 punti al diciassettesimo posto in classifica, capitolo diverso per la Feralpi che, con ben 39 punti, si posiziona quarta ed accorcia nella corsa al vertice.

 

Vince in casa per 2-0 il Mantova che affossa il Legnago Salus. Luca Paudice ci mette nove minuti a sbloccare la gara, il raddoppio definitivo – al minuto 74 – porta la firma di Lorenzo Checchi. Dopo la terza vittoria stagionale il Mantova esce dalla zona Playout: 21 punti e quindicesimo posto in classifica. Situazione analoga, ma leggermente più grave, per gli ospiti che si posizionano diciottesimi con 18 punti. Nel match tra Trento e Piacenza sono i padroni di casa ad imporsi per 1-0. A decidere la partita, dal dischetto al minuto 37, è Belastro. Dopo la sesta vittoria stagionale i padroni di casa volano a 24 punti e si posizionano noni, resta a quota 22 punti il Piacenza che si colloca tredicesima.

 

Pareggia in casa per 1-1 la mina vagante Albinoleffe contro la meno attrezzata Pro Patria. Manconi porta in vantaggio i bergamaschi dopo sette minuti ma non basta: Pierozzi, al minuto 80, pareggia definitivamente i conti. I padroni di casa con 25 punti raccolti si posizionano, momentaneamente, all’ottavo slot disponibile. Ospiti che, con 21 punti, raccolgono la sedicesima posizione in classifica. Vince e convince la corazzata Padova che affossa, per 2-0, il Renate nel big match di giornata. A sbloccare la partita ci pensa Cosimo Chiricò all’undicesimo minuto. Il raddoppio porta la firma dell’eterno ed esperto Fabio Ceravolo (minuto 54). Al termine della gara il Padova sale a quota 42 e riconquista la seconda posizione (a due distanze dal Südtirol che però, dalla sua, ha due incontri da recuperare: potenziale +8 dal Padova). Il Renate, dopo la sconfitta, resta a quota 39 e conquista la terza posizione (seppur a pari punti con la Ferlpisalò).

 

Non si sono giocate, come spiegato all’inizio, le gare tra Virtus Verona-Südtirol e Lecco Pro Vercelli per via del corposo numero di positivi.

Alessandro Borasio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore