/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 07 dicembre 2021, 00:15

Il Südtiol allunga, impresa Giana contro il Padova, Beppe Scienza addio

Il commento della diciassettesima giornata del campionato di Serie C girone A

Il Südtiol allunga, impresa Giana contro il Padova, Beppe Scienza addio

Si è concluso il diciassettesimo turno del campionato di Serie C girone A. Continua la marcia inarrestabile del Südtirol (che allunga sul Padova), vince il Padova, perde la Pro Vercelli in casa (e conseguente esonero per Mister Beppe Scienza), la Giana ferma in casa la corazzata Padova e la Feralpi si impone in trasferta. Andiamo, nel dettaglio, ad analizzare il turno di campionato.

 

Le dieci gare

Ad aprire le danze è stato il pareggio, per 1-1, tra Legnago Salus e Pro Sesto. A passare in vantaggio sono stati i padroni di casa, al minuto 43, grazie alla rete di Juanito Gómez. È però l’esperto e navigato Capogna, al minuto 62, a regalare il gol del pareggio alla Pro Sesto. Al termine della gara il Legnago, con 15 punti, si colloca diciottesimo. Pro Sesto che insegue a 14 punti e si colloca diciannovesima. Pareggiamo 1-1 anche Pergolettese e Mantova. Sono i padroni di casa con Zennaro, al minuto 61, a sbloccare la gara. Il Mantova non demorde e nel finale di recupero acciuffano il pareggio grazie all’autorete di Galeotti. I padroni di casa, dopo il decimo pareggio stagionale si collocano quindicesimi con 17 punti. Ospiti che con 16 punti, inseguono con una posizione di distanza. Vince in trasferta la Feralpisaló per 0-2 in trasferta contro la Pro Patria. Le reti, arrivate ad ogni tempo, portano la firma di Salines (minuto 33) e Balestero (minuto 74). Dopo aver raggiunto la decima vittoria stagionale, gli ospiti volano a quota 35 e si collocano momentaneamente quarti. Restano a 16 punti i padroni di casa: diciassettesima posizione e zona Playout.

 

Vince di misura, in trasferta, per 0-1, il Seregno contro il Trento. A decidere il match ci pensa, al minuto 13, l’ex Pro Vercelli Martino Borghese. Dopo la settima sconfitta stagionale il Trento si colloca momentaneamente decima avendo raccolto ben 20 punti. Ospiti che, dopo la sesta vittoria stagionale, volano al settimo posto con un bottino totale di 22 punti. Finisce a reti inviolate il match tra Virtus Verona ed Albinoleffe. I bergamaschi, al minuto 82, rimangono in 10 uomini data l’espulsione di Saltarelli. I padroni di casa, nonostante la superiorità numerica nel finale, non trovano il guizzo vincente. Nonostante il pareggio, i veneti salgono all’ottava posizione con 21 punti. Ospiti che, con 23 punti, si collocano sesti. Altro pareggio per 1-1 nel match tra Giana Erminio e Padova. A passare in vantaggio al 29esimo è la Giana con Acella. Della Latta, al minuto 64, pareggia definitivamente i conti. Nella sfida tra “Davide contro Golia” sono i padroni di casa ad essere più contenti, nonostante l’ultimo posto con solo 13 punti. Il Padova inciampa nel quarto pareggio stagionale: secondo posto e 37 punti totali.

 

Perde in casa il Piacenza per 0-1 contro il Lecco. A decidere l’incontro è stato Celjak al minuto 61. Dopo la sconfitta i padroni di casa escono dalla zona playoff: undicesimo posto e 20 punti totali. Boccata d’aria per il Lecco che, dopo i tre punti, lascia le zone più pericolose della classifica: 20 punti totali e tredicesimo slot disponibile. Crolla nuovamente in casa la Pro Vercelli contro la Triestina: 1-2 il tabellino finale. A sbloccare il match, al minuto 35, è Rapisarda. Il raddoppio, nel secondo tempo, porta la firma di Ligi: minuto 70 e 0-2 Triestina. La Pro accorcia al minuto 85 con Silenzi ma non basta: settima sconfitta stagionale ed esonero per Mister Beppe Scienza. I vercellesi, con 20 punti, trovano la dodicesima posizione. Ospiti che, dopo la settima vittoria, volano al quinto posto con ben 27 punti.

 

Continua la marcia straordinaria del Renate che affossa per 2-0 la Juventus U23. A sbloccare il match ci pensa Maistrello al quindicesimo del primo tempo. Il raddoppio, per la vittoria definitiva, porta la sigla di Celeghin che al minuto 67 trova il modo per superare Israel. I padroni di casa, dopo i tre punti, salgono a quota 36 e si confermano terzi in solitaria. Bianconeri che, invece, restano a quota 21, e si collocano noni. A chiudere la giornata ci pensa la roboante vittoria della corazzata Südtirol in casa contro il Fiornezuola per 4-1. Odogwu, minuto 16, apre le danze. Davi, al 21esimo, raddoppia e Voltan cala il tris al 34esimo. Il poker arriva, al minuto 47, grazia all’autogol di Fabricio Olivera. Agli ospiti resta il gol della bandiera: minuto 70, dal dischetto, Palmieri è freddo e supera l’estremo difensore Poluzzi. Dopo la tredicesima vittoria (ed esclusivamente 5 gol subiti) il Südtirol resta prima ed allunga sul Padova: 43 punti e +6. Ospiti che, nonostante la sconfitta, restano a quota 19 e conquistano la quattordicesima posizione.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore