/ Attualità

Attualità | 26 novembre 2021, 15:23

Asfaltature in Valsesia e a Saluggia; 1,3 milioni per il ponte sulla Dora

Sopralluogo della Provincia per esaminare alcune situazioni particolarmente delicate in diverse zone del territorio

Asfaltature in Valsesia e a Saluggia; 1,3 milioni per il ponte sulla Dora

Al termine di una serie di sopralluoghi effettuati questa settimana, il vice presidente della Provincia con delega alla Viabilità, Pier Mauro Andorno, fa il punto sulla viabilità del vercellese.
«A Saluggia - commenta - sono andato a prendere visione personalmente del ponte che collega l’abitato al torinese attraversando la Dora Baltea, dove sono previsti lavori di messa in sicurezza e adeguamento normativo della struttura. Molto prontamente ho trovato, al mio arrivo, i tecnici provinciali per i primi rilievi».
L’opera, costruita a cavallo degli anni ‘40 e ‘50 non presenta criticità strutturali. Tuttavia la vetusta concezione con cui è stato progettato ha aperto la Provincia ad una programmazione in merito ad interventi futuri.
«Non possiamo permetterci - continua Andorno - di rimanere indietro con la programmazione, nonostante i numerosi cantieri aperti nel corso di questo 2021. Un lavoro, questo, a quattro mani con l’Amministrazione comunale, insieme al sindaco Firmino Barberis, al vicesindaco e agli assessori delegati che avevano evidenziato le criticità logistiche del ponte, tenendo conto dell’intenso traffico che dal torinese si reca al Polo Farmaceutico Biomedicale. Questi aspetti erano stati concretizzati nelle scorse settimane in diversi confronti tenuti in municipio. Le opere saranno finanziate grazie al Decreto Ponti per un ammontare di circa 1,3 milioni di euro».
A tal proposito, sempre a Saluggia, il vicepresidente ha supervisionato alcuni interventi di bitumatura.
«Alcuni tratti particolarmente ammalorati della SP 3 in località Sant’Antonino sono stati oggetto in questi giorni di opere di bitumatura che si erano resi ormai necessari».
Altri interventi invece sono stati perseguiti in Valsesia. «Le zone montane - conclude Andorno - devono avere un riguardo particolare sia per le condizioni climatiche più difficili che per i maggiori rischi idrogeologici, in un’ottica di manutenzione completa di tutta la nostra rete viabile. A tal proposito sono appena state concluse recentemente delle bitumature in località Rondò a Borgosesia, lungo la SP 299 e a Cravagliana, sulla SP 9, in alcuni tratti poco esposti al sole e particolarmente ammalorati dal gelo invernale. Ringrazio il presidente Eraldo Botta sempre attento a queste problematiche e che ha partecipato ai vari tavoli con il Comune di Saluggia, l’Amministrazione comunale e i nostri tecnici provinciali».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore