/ Attualità

Attualità | 21 novembre 2021, 09:29

Incidenti sulle strade: nel vercellese 10 morti nel 2020. L'impegno di Aci e Polizia stradale per la cultura della sicurezza

Parte la campagna "io mi impegno" per promuovere comportamenti responsabili al volante

Incidenti sulle strade: nel vercellese 10 morti nel 2020. L'impegno di Aci e Polizia stradale per la cultura della sicurezza

Nel 2020, nel vercellese, si sono verificati 243 incidenti stradali: 10 persone hanno perso la vita e 344 sono rimaste ferite. Un bilancio drammatico e inaccettabile, con costi sociali che in Italia superano gli 11,6 miliardi di euro l’anno, pari allo 0,7 per cento del Pil. A rendere noti i dati, in occasione della Giornata mondiale del ricordo delle Vittime della strada, è Aci Vercelli che, in occasione del 21 novembre, lancia la campagna "Mi impegno", volta a promuovere comportamenti virtuosi al volante. Cinque semplici comportamenti di buonsenso che, sulla strada, possono fare la differenza.

«Salvare migliaia di vite ogni anno, si può: dipende solo da noi - spiega Eugenio Castelli, presidente dell'Automobil Club Vercelli - Basta impegnarsi a non guardare il telefono mentre si guida, a non correre, anche se abbiamo fretta, a non guidare se abbiamo bevuto, ad allacciare sempre cinture e seggiolini e a fare sempre attenzione a ciclisti e pedoniLa Giornata Mondiale in memoria delle vittime della strada deve farci riflettere sul fatto che una semplice distrazione può farci perdere il bene più grande e prezioso che abbiamo: la vita. Non è assurdo - prosegue - perdere o togliere la vita per un messaggino, una foto o un filmato? Rischiare di non arrivare mai, solo per non tardare qualche minuto? Voler guidare a tutti i costi, anche se abbiamo bevuto? Non perdere pochi secondi ad allacciare cinture e seggiolini? Non fare attenzione a utenti fragili come ciclisti e pedoni? La soluzione c’è: siamo noi. Basta una parola: rispetto. Rispetto per noi stessi, per gli altri e per le regole. Io “Mi impegno”. Fatelo anche voi. Una mobilità più sicura, rende più sicura la nostra vita».

La campagna informativa verrà portata avanti attraverso i social nel tentativo di raggiungere più persone possibile.

Ma che rispetto e buonsenso siano una conquista ancora in là da venire lo dimostrano i dati della Polizia di Stato, e in particolare della Polizia Stradale che, schierando sulle strade oltre 397.000 pattuglie, ha accertato oltre 1.500.000 di infrazioni, ritirato 21.255 patenti di guida,  con 2.477.333 punti decurtati. 

Gli incidenti stradali sono causati nella maggior parte dei casi dai comportamenti sbagliati dei conducenti e dal mancato rispetto del codice della strada ed è una questione di responsabilità individuale poiché i controlli di polizia, da soli, non potranno mai essere sufficienti se, contemporaneamente, chi si mette alla guida non mostra attenzione, con la propria condotta, al rispetto della vita propria ed altrui.

Per questo motivo l’obiettivo della Polizia di Stato è quello di sensibilizzare gli automobilisti sui rischi derivanti da comportamenti errati alla guida, anche attraverso campagne di prevenzione ed informazione sulla sicurezza stradale.

Sono numerose le iniziative che riflettono l’impegno sotto il profilo comunicativo, informativo e gli accordi con enti ed istituzioni con cui la Polizia di Stato condivide obiettivi di riduzione della mortalità stradale.

Le iniziative dedicate all’educazione stradale sono indirizzate non solo agli automobilisti, ma anche ai giovani, futuri conducenti del domani, attraverso la diffusione nelle scuole della cultura della legalità, della prevenzione e la promozione dei corretti stili di vita, favorendo la partecipazione di insegnanti, studenti e genitori alle attività organizzate, consolidando il rapporto di cooperazione in tema di sicurezza della mobilità, di riduzione dell’incidentalità, di prevenzione e promozione di comportamenti più responsabili.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore