/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 19 novembre 2021, 06:02

Più di un milione di euro per valorizzare il sito archeologico dell'Antico Ospedale - FOTO

Con una variazione di bilancio "pesante" il Comune investe sulla salvaguardia delle strutture romane tornate alla luce durante i lavori per la costruzione della nuova Torre Libraria

Più di un milione di euro per valorizzare il sito archeologico dell'Antico Ospedale - FOTO

Se ne era parlato la scorsa primavera dopo che la diffusione di alcune immagini, relative agli scavi in corso nell'area tra San Pietro Martire e la Manica delle Donne, aveva riportato l'attenzione sugli antichi insediamenti della Vercelli romana e alto medioevale.

leggi anche: LASCIATE IN VISTA I REPERTI VENUTI ALLA LUCE ALL'ANTICO OSPEDALE

Nel corso degli scavi e dei rilievi archeologici previsti dal cantiere per la costruzione della Torre Libraria della futura Biblioteca civica e universitaria erano infatti tornate alla luce una serie di importanti tracce del passato di Vercelli: insediamenti noti agli studiosi perché già segnalati negli anni '70 e '80 dai fratelli Daniele e Dario Gaviglio del Centro Studi Vercellae ma, di fatto, sconosciuti alla maggior parte dei vercellesi.

leggi anche: «L'ANTICO OSPEDALE ERA STATO SCAVATO 30 ANNI FA»

I lavori in corso hanno invece riacceso l'attenzione su un angolo di città ricco di una storia millenaria: nel sottosuolo compreso tra San Pietro Martire e il colonnato della Manica delle Donne, si trova un'area che ha restituito muri, tracce di abitazioni e di antiche sepolture, alcune delle quali ancora occupate da scheletri pressoché intatti.

E, come era stato anticipato dal sindaco Andrea Corsaro già in primavera, il Comune intende valorizzare l'area, facendone un tassello del futuro percorso turistico dedicato alla Vercelli romana che comprende anche la Domus del Brut Fond, le Terme, il Mac e l'Anfiteatro. Così, attraverso una variazione di bilancio di oltre un milione di euro approvata nel corso del Consiglio comunale di mercoledì, l'amministrazione si prepara a valorizzare e rendere fruibile l'area venuta alla luce.

«L'idea - spiega Massimo Simion, assessore ai Lavori pubblici - è quella di creare una copertura in vetrocemento che mantenga visibili e fruibili dai vercellesi e dai turisti i resti portati alla luce, valorizzando in questo modo la scoperta o riscoperta di un sito molto antico e importante per la città».

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore