Scuola - 16 novembre 2021, 12:00

Semestre in Canada per Mattia, super studente dello Scientifico

Il vercellese Prella ha vinto una delle borse di studio Wep per un'esperienza all'estero

Semestre in Canada per Mattia, super studente dello Scientifico

Mattia Prella, studente del liceo scientifico Avogadro, ha vinto una delle borse di studio, del valore di 1.000 euro, messe a disposizione da WEP per trascorrere un semestre all’estero. Un contributo che il giovane vercellese sfrutterà per andare in Canada (Vancouver Island/Saanich School District).

WEP – organizzazione internazionale che promuove scambi culturali e linguistici nel mondo – offre agli studenti più brillanti e meritevoli una borsa di studio per il programma scolastico all’estero. Il contributo è pensato per premiarli del lavoro svolto durante l’anno e per agevolarli nell’accesso ai programmi scolastici e Mattia Prella è stato scelto in base all’esito del colloquio di selezione, per le motivazioni e la predisposizione che ha mostrato verso l’esperienza, l’accuratezza, la puntualità della compilazione del dossier di partecipazione e la competenza linguistica. La borsa di studio vuole infatti premiare gli studenti migliori, riducendo per loro il costo del programma.

«È stato un momento molto bello che ha chiuso il cerchio di un anno e mezzo di preparazione per la partenza di Mattia che, ancora una volta, si è dimostrato un ragazzo pacato, umile ma di uno spessore eccezionale - commenta l'insegnante di inglese, Francesca Attimonelli - Siamo stati assolutamente fieri di lui e felici di averlo come allievo. Confesso che la sua assenza in classe si sentirà. Queste esperienze sono molto importanti per la formazione dei ragazzi ma non adatte a tutti. Devono avere già in loro un equilibrio non sempre facile alla loro età».

Come Mattia Prella, ogni anno oltre 1200 ragazzi vivono l’esperienza dello scambio culturale con WEP. Con l’anno all’estero gli studenti hanno l’opportunità di migliorare la conoscenza di una lingua straniera e di vivere per un anno, un semestre o un trimestre all’estero, a stretto contatto con una cultura diversa dalla loro. Per tutta la durata del soggiorno, infatti, i ragazzi vengono ospitati da una famiglia e seguono i corsi in una scuola locale. I programmi High School diventano l’occasione perfetta per conoscere gli usi, i costumi e le abitudini di un paese diverso dal proprio. Fare un periodo all’estero per i ragazzi è una vera e propria sfida che richiede adattamento e rispetto per il paese ospitante, e che permette una crescita a 360°: personale, linguistica e culturale.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU