/ Politica

Politica | 13 novembre 2021, 16:29

Il "caso Pezzana" arriva sul tavolo del Prefetto e in Parlamento

Prosegue la battaglia di Radicali Italiani, +Europa Vercelli e Associazione radicale Adelaide Aglietta per la revoca delle cittadinanza onoraria a Benito Mussolini

Il Comune di Pezzana

Il Comune di Pezzana

Il "caso Pezzana" finisce in Parlamento e anche sul tavolo del Prefetto. 

Lunedì 15 novembre, alle 11,30, Igor Boni (presidente dei Radicali Italiani), Roswitha Flaibani (+Europa Vercelli) e Giulio Manfredi (Associazione radicale Adelaide Aglietta) saranno ricevuti in Prefettura, a Vercelli, per discutere del "caso Pezzana", ovvero della delibera con la quale, lo scorso 30 settembre il Consiglio Comunale di Pezzana ha confermato, rinnovato e fatto propria la precedente deliberazione del 15 maggio 1924 con la quale era stata concessa la cittadinanza onoraria a "Sua Eccellenza Benito Mussolini".

«L'incontro di lunedì era stato richiesto dagli esponenti radicali/+Europa con lettera PEC inviata il 15 ottobre scorso anche al Presidente della Repubblica, alla senatrice a vita Liliana Segre, al Ministro dell'Interno e al Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio Regionale del Piemonte, nella quale si richiedeva un intervento degli stessi, ciascuno nell'ambito delle proprie competenze, affinché la deliberazione di Pezzana fosse annullata o revocata», precisano in una nota i promotori della campagna per la revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini.


Al termine si svolgerà una conferenza stampa per illustrare sia l'esito dell'incontro in Prefettura sia i contenuti dell'interrogazione parlamentare prentata sul "caso Pezzana" ma anche sul problema generale delle "cittadinanze onorarie a Mussolini" dal deputato Riccardo Magi (presidente +Europa).

reaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore