/ Notizie dal Piemonte

Notizie dal Piemonte | 09 novembre 2021, 10:31

Incendio al Villaggio Lamarmora, il racconto di Es Saket: “Grande paura, citofonato ai condomini per farli uscire”

Biella, il consigliere comunale ha assistito in presa diretta al fatto di cronaca: stamattina Polizia Scientifica e Vigili del Fuoco effettueranno i rilievi di rito per stabilire l'origine dell'incendio

Incendio al Villaggio Lamarmora, il racconto di Es Saket: “Grande paura, citofonato ai condomini per farli uscire”

“È stato terribile assistere, in presa diretta, a ciò che stava accadendo. Non appena ho visto le fiamme, mi sono precipitato alla porta d'ingresso della palazzina e ho citofonato a tutti i condomini dicendo loro di uscire dagli alloggi. Sono stati istanti di paura e grande preoccupazione”. Queste le parole del consigliere comunale Mohamed Es Saket, testimone dell'incendio scoppiato nel tardo pomeriggio di ieri, 8 novembre, al Villaggio La Marmora (leggi qui).

Es Saket stava rientrando a casa quando si è trovato davanti il violento fatto di cronaca. “Ho dato subito l'allarme – racconta ai nostri taccuini – e chiesto l'intervento anche del sindaco Corradino e del suo vice Moscarola”. Una volta domate le fiamme, i Vigili del Fuoco hanno proceduto con le operazioni di messa in sicurezza, verificando l'inagibilità o meno della palazzina di via Lombardia.

Alla fine, è stato dichiarato inagibile solo l'appartamento da cui è scaturito il rogo. Dai primi accertamenti, sembra che siano state rinvenute alcune piccole bombole da campeggio, miracolosamente inesplose. Questa mattina la Polizia Scientifica e i Vigili del Fuoco effettueranno i rilievi di rito per stabilire l'origine dell'incendio.

Intanto, dalla presidenza dell'Atc arriva la garanzia che nessun inquilino verrà lasciato solo. «L’incendio divampato ieri nell’appartamento Atc di uno stabile di Biella non ha fortunatamente fatto registrare feriti - commenta in una nota il presidente, Marco Marchioni - In attesa delle indagini che accerteranno le cause del rogo, ci siamo subito attivati con l’obiettivo di individuare le soluzioni più opportune per quelle parti del condominio che necessitano ora di interventi. Faremo il possibile per ripristinare nel più breve tempo possibile i danni, limitando di conseguenza i disagi degli occupanti. Nessuno, lo garantisco, resterà fuori casa. Invito, però, ancora una volta gli inquilini di tutti i nostri immobili del quadrante a non accumulare nei sottotetti, nei sottoscala o altrove, oggetti potenzialmente infiammabili, ciò al fine di preservare la loro sicurezza e al contempo quella degli immobili».

Nella giornata di martedì, in via Lombardia 9 si svolgerà un sopralluogo di verifica dei danni alla presenza, tra gli altri, dell’assessore regionale Chiara Caucino, del sindaco Claudio Corradino e di un geometra Atc.

dal nostro corrispondente a Biella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore