/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 09 novembre 2021, 10:17

"Il sabato dei villaggi" alla scoperta di San Michele in Insula

Pomeriggio trinese per la rassegna promossa dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese

"Il sabato dei villaggi" alla scoperta di San Michele in Insula

L’edizione autunnale della rassegna “Il sabato nei villaggi – cultura e natura nelle terre del Po”, promossa dall’Ente di gestione delle Aree protette del Po piemontese prosegue con un nuovo appuntamento previsto per sabato 13 novembre a Trino. 

Il ritrovo sarà in piazza Garibaldi, a Trino, alle ore 14.15 con partenza della passeggiata alle ore 14.30 per raggiungere il vicino sito di San Michele in Insula. 

Documentata l’antica storia del luogo - le evidenze archeologiche più antiche infatti risalgono all’epoca romana con continuità di occupazione fino all’alto medioevo – è ora il tempo di approfondirne la storia attraverso l’indagine bioarcheologica, condotta dagli studiosi del Dipartimento di Biotecnologie e Scienze dalla Vita dell’Università degli Studi dell’Insubria. 

Ospite dell’appuntamento trinese sarà Marta Licata, docente di Archeobiologia e responsabile scientifico del progetto, che descriverà ai partecipanti l’attività dell’antropologo fisico.

Al termine della visita ci si recherà in città per accedere alla chiesa parrocchiale di San Bartolomeo dove è conservato l’antico crocifisso un tempo ospitato all’interno della chiesa di San Michele. 

L’incontro trinese sarà occasione per conoscere una delle tipicità locali: i Trinesini, morbidi nocciolini di cioccolato fondente ripieni di una raffinata ganache, prodotti in esclusiva dalla Pasticceria Bodiglio di Antonello Varalda. 

"Il sabato nei villaggi" è un’attività condotta da Anna Maria Bruno, guida del Parco. 

La partecipazione è gratuita, ma è obbligatoria la prenotazione, scrivendo all'indirizzo e-mail: chebisa@virgilio.it indicando cognome, nome e numero di telefono, oppure telefonando al cell. 348 2211219. 

È necessario avere il green pass valido e portare con sé la mascherina. La proposta è finanziata dalla Provincia di Vercelli.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore