/ Politica

Politica | 28 ottobre 2021, 22:09

Ripetitore telefonico al Canadà: interrogazione

Pd e lista civica: «Opportuno svolgere un monitoraggio ambientale nei pressi dell'antenna, a tutela dei cittadini»

Ripetitore telefonico al Canadà: interrogazione

Nel mese di agosto 2021 sono iniziati i lavori di costruzione di un ripetitore telefonico alto 33 metri, posizionato nel quartiere Canadà, nelle vicinanze delle abitazioni. La notizia ha destato molta preoccupazione tra i residenti, preoccupati per l’ambiente, per la salute, e per il possibile deprezzamento delle abitazioni. E, per iniziativa dei consiglieri di Pd e lista civica, il trasmettitore, installato nel parcheggio della Bennet, è diventato anche oggetto di un'interrogazione.

«Il Comune - si legge nel documento firmato da Maura Forte, Alberto Fragapane, Carlo Nulli Rosso, Michele Cressano, Manuela Naso e Alfonso Giorgio - non ha alcun potere di interferire nella scelta del luogo di installazione di ripetitori telefonici né ha il potere di stabilire limiti di distanza, sicurezza, altezza, ma il Sindaco è il responsabile della condizione di salute della popolazione del  territorio. E considerato che i cittadini del rione non sono stati coinvolti ed  informati rispetto alla installazione del ripetitore, chiediamo al sindaco se l’Amministrazione Comunale ha verificato che non ci siano conseguenze per i cittadini del rione a seguito dell’installazione del trasmettitore e se potrebbe essere opportuno svolgere un'azione di monitoraggio dell’ambiente nei pressi del ripetitore».

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore