/ Sport

Sport | 24 ottobre 2021, 19:38

Seconda vittoria consecutiva di Engas Hockey Vercelli: battuto Ubroker Bassano in trasferta 4-6.

Prova solida dei ragazzi di Punset, gran match di Mattia Verona.

I giocatori di Engas Hockey Vercelli festeggiano dopo un gol (immagine tratta dalla diretta streaming di FISRTV)

I giocatori di Engas Hockey Vercelli festeggiano dopo un gol (immagine tratta dalla diretta streaming di FISRTV)

Seconda vittoria in A1 per Engas Hockey Vercelli, prima in trasferta per 4-6 contro Ubroker Bassano. Partita vivace e combattuta in cui il primato nel punteggio si muove continuamente fra le due compagini. Dopo una prima frazione equilibrata, i vercellesi fanno la differenza nella seconda riuscendo a prevalere con tenacia, capacità difensiva e offensiva e determinazione. Vittoria di squadra, in cui si evidenziano le grandi parate di Mattia Verona, giustamente premiato come miglior giocatore della partita e le reti di Tataranni giunte in momenti decisivi e realizzate con abilità, esperienza e freddezza. Dopo questa vittoria, HV occupa il centro classifica; prossimo turno sabato 30 ottobre in casa al Palapregnolato contro Teamservicecar Monza alle 20.45.

Primo tempo: inizio equilibrato con continui rovesciamenti di fronte. Dopo quattro minuti, Ojeda ribatte in rete una respinta di Catala Bernard su tentativo da fuori di Zucchetti, 0-1. Il vantaggio dei nerogialloverdi dura, però, solo una manciata di secondi: Scuccato, con un pallonetto dentro l’area, infila Verona pareggiando i conti. Poco dopo, bella occasione per Tataranni dalla sinistra, ma sul tiro fa barriera Ambrosio. Quando mancano sedici minuti al termine, Ojeda commette fallo su Ambrosio, ostacolandolo chiaramente in area: rigore per il Bassano. Coy si incarica della battuta: Mattia Verona para e si resta sull’1-1. A seguire, altro tiro da fuori di Zucchetti, a cui ben si oppone Catala Bernal. Poi Verona para un tiro potente da fuori di Coy. Segue un minuto di rotazione in ambo le squadre: Muglia rileva Ambrosio, Amato entra al posto di Scuccato, Mattugini per Moyano e Maniero sostituisce Zucchetti. A seguire, occasioni per Coy e Cancela a cui risponde un’azione di Ojeda. Moyano, tornato in pista, impegna seriamente Catala Bernal, poi sulla sua ribattuta anche Mattugini scocca un bel tiro, ma l’estremo difensore veneto si fa valere. All’undicesimo minuto notevole azione personale di Muglia che, poco dopo, insacca il 2-1 frutto di un’azione tessuta da Coy e Cancela. Moyano serve Maniero dentro l’area in un fazzoletto e con grande abilità, ma Catala Bernal gli dice di no. E’ il prologo al pareggio di HV: Moyano gira dietro la rete veneta e mette in mezzo la pallina sul secondo palo: Tataranni vi si avventa fulmineo e chirurgico ed insacca il 2-2. Subito dopo, traversa colta da Muglia. Su punizione, per via di un fallo commesso da Zucchetti, Scuccato coglie un palo interno. I piemontesi trovano il vantaggio con un’iniziativa personale di Zucchetti dalla destra che poi si accentra e segna il 2-3. Proprio Zucchetti è poi sanzionato con cartellino blu per un fallo su Amato; Ambrosio si porta a battere il tiro diretto e realizza con decisione il pari mettendo con forza la pallina nell’angolino sinistro. Si va quindi a riposo sul 3-3.

Secondo tempo: Bassano, forte del vantaggio numerico dovuto al blu per Zucchetti, parte forte con Coy e Cancela su cui ben si oppone Verona. La scena si ripete pochi istanti dopo con Ambrosio. Su contropiede veloce, dalla destra Cancela serve Coy che insacca, 4-3. Il pareggio dei piemontesi giunge dopo poco e porta la firma di Moyano che recupera una pallina persa dal Bassano e segna. Catala Bernal decisivo poco dopo ancora su Moyano. A seguire, giunge il decimo fallo per HV, commesso da Zucchetti: Ambrosio si porta sul dischetto. Sul primo tentativo, Verona si muove prima e rimedia un’ammonizione. Il portiere vercellese para anche il secondo, poi Ambrosio segna sugli sviluppi della sua ribattuta, ma il gol è annullato per pallina alta, si rimane, quindi, sul quattro pari. Altra pallina persa da Bassano e gran confusione in area, in cui capitan Tataranni non riesce a prevalere. Siamo in una fase di gara bollente: i contropiedi si susseguono senza pause per ambo le formazioni. A seguire, Ambrosio stende Tataranni a centro area, per lui cartellino blu. Proprio il capitano del Vercelli va a battere il tiro diretto, ma Catala Bernal gli chiude lo specchio della porta. Poi, dopo una bella azione, Sisti coglie un palo e Tataranni non riesce a realizzare da posizione favorevole. Finisce così il power play a favore di HV e si resta sul 4-4. Bella iniziativa di Maniero, Catala Bernal para. Poi, grande intervento di Verona su Ambrosio. A sette primi dal termine, rigore per i piemontesi, batte Zucchetti, Catala Bernal gli nega la rete. Giunge il decimo fallo per i padroni di casa, fischiato a Coy; sul dischetto si porta Ojeda, Catala viene ammonito, si ripete la battuta e Ojeda insacca: 4-5. Verona difende subito il vantaggio su Cancela. HV allunga con una pregevole giocata dalla sinistra quando mancano quattro munti al termine. C’è ancora spazio per un cartellino blu ad Ambrosio per proteste. A seguire, quindicesimo fallo commesso dai vercellesi su Cancela quando mancano solo 42 secondi al termine del match. Proprio lui si incarica del tiro diretto ma  Verona intercetta il suo pallonetto. Termina 4-6 per Engas Hockey Vercelli. 

Formazioni:

Ubrocker Bassano: fra i pali Catala Bernal, Ambrosio, Coy, Cancela, Scuccato, Muglia, Amato (C), Ambrosio, Baggio, Luna, Nicoletti. Allenatore: Roberto Crudeli Engas Hockey Vercelli: Verona in porta, Tataranni (C), Zucchetti, Ojeda, Moyano, Mattugini, Sisti, Perroni, Maniero, Pasciullo. Allenatore: Sergi Punset.

Reti: 1°T: 20’43 Ojeda (HV) 0-1; 20’26 Scuccato (Bassano) 1-1; 9’32 Muglia (Bassano) 2-1; 4’52 Tataranni (HV) 2-2; 2’03 Zucchetti (HV), 3-2; 1’34 Ambrosio (Bassano) 3-3. 2°T: 22’03 Coy (Bassano) 4-3; 20’25 Moyano (HV) 4-4; 6’37 Ojeda (HV) 4-5; 4’25 Tataranni (HV) 4-6.

Cartellino blu: 1°T- 1’34 Zucchetti, HV. 2°T 13’12 Ambrosio (Bassano);1’43 Ambrosio (Bassano)

Arbitri: Joseph Silecchia, Carlo Iuorio

Elisa Rubertelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore