/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 23 ottobre 2021, 13:45

Scienza: «Chi ha giocato non ha mai tradito le aspettative»

Botta e risposta su Pro Patria, Valentini, Tintori, Gatto, Emmanuello

Mister Giuseppe Scienza

Mister Giuseppe Scienza

«Tra Pro Vercelli e Pro Patria vincerà chi ci mette più intensità. Chi sarà più aggressivo.

«Il più bel segnale? Non ho dubbi. È arrivato dai giocatori che ho schierato. Tutti hanno risposto nel migliore dei modi.»

Così mister Scienza, alla vigilia della trasferta di Busto Arsizio.

Prima di salire in sala stampa uno sguardo al campo: l'ultimo che esce è il nuovo acquisto, il portiere Valentini.

«Un elemento di valore, amato dalla piazza. Un bellissimo intervento da parte della società – dice Scienza -. Il suo obiettivo è quello di far crescere Tintori e di farsi valere quando sarà chiamato a difendere i pali della Pro. Tintori deve vedere in lui come un aiuto, qualcosa di utile alla sua crescita.»

Mister, dopo la partita contro il Trento lei disse che la squadra doveva crescere in intensità e anche nella fluidità di gioco sulle fasce. Sono arrivati entrambi. Non solo: in fascia, contro la Giana Erminio, abbiamo visto un Leonardo Gatto superlativo che, forse, ha disputato la sua miglior gara con la casacca della Pro.

«Siamo cresciuti in intensità, certo, ora dobbiamo crescere nel possesso palla. Sulle fasce ho due elementi, mi riferisco a Crialese e Clemente, che sono estremamente disciplinati e validi da un punto di vista tattico. Poi ho altri elementi (Bruzzaniti, Della Morte, Gatto) più portati al gioco offensivo. Gatto, che si è ripreso dall'infortunio, negli ultimi trenta, quaranta metri dà qualcosa di più, in questa categoria. Può mettere dentro sette, otto palle, tirare. E poi è generoso.»

Ma la grande sorpresa, a livello tattico, è stato Emmanuello, che lei si è inventato play “alla Pirlo”.

«Ero sicuro che avrebbe giocato bene, il giorno prima ci avrei scommesso qualsiasi cosa. Emmanuello è un po' come Iezzi: sono duttili, possono giocare in più ruoli. Come play, inoltre, si è trovato bene, perché ha avuto più libertà di manovra. Non solo: nel finale ha vinto un contrasto importante... Emmanuello però deve decidersi: o continua così, con alti e bassi, oppure alza l'asticella, e diventa un giocatore da categoria superiore.»

Domani a Busto un avversario mica facile.

«No, per niente. La squadra è un mix di giovani e giocatori esperti. In casa sono forti, hanno battuto, per esempio la Juventus Under 23. Noi comunque, nonostante assenze per problemi vari, (domani comunque recupero Awa e Masi) siamo in crescita.»

Un ultimo pensiero. «Sentire l'incitamento Forza Pro, come è successo contro la Giana Erminio, è qualcosa che ti fa piacere e che, soprattutto, ti carica.»

 

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore