/ Politica

Politica | 20 ottobre 2021, 12:50

«Cantiere Rfi di viale Torricelli: i residenti esigono risposte»

Catricalà e Sacco: «Chiameremo Arpa e il Comune deve ascoltare la situazione di disagio vissuta da queste famiglie»

«Cantiere Rfi di viale Torricelli: i residenti esigono risposte»

Riceviamo e pubblichiamo.

Rumori ad ogni ora del giorno e della notte, fumi e cittadini sull'orlo di una crisi di nervi. Passano i mesi ma la situazione non cambia per i residenti di viale Torricelli a Vercelli, tormentati senza sosta dal cantiere ferroviario sulla linea Torino – Milano. I residenti della zona denunciano questa drammatica situazione dal 2016 e l’ultima lettera protocollata in Comune risale ai primi di giugno di quest’anno.

Come se non bastasse il Comune di Vercelli ha concesso la deroga di questo vero e proprio incubo, per circa 50 famiglie vercellesi, fino alla fine del mese. Una situazione ormai inaccettabile, che ha superato ormai da tempo il limite massimo di sopportazione da parte dei cittadini di questa zona. 

Abbiamo quindi effettuato un nuovo sopralluogo presso le abitazioni, per ascoltare i residenti e constatare le pessime condizioni in cui sono costretti a vivere. A frontedell'ennesimo “via libera” da parte del Comune, e del sostanziale immobilismo delle istituzioni, abbiamo concordato di intervenire su più fronti per provare a restituire una vita accettabile a queste persone. Prenderemo contatti con RFI per esporre il caso di viale Torricelli e con ARPA Piemonte per richiedere un sopralluogo mirato a verificare i livelli dell'inquinamento acustico ed ambientale prodotto dal cantiere. Inoltre porteremo nuovamente il caso presso gli uffici competenti e la politica comunale affinché siano ben chiare le responsabilità da parte di chi ha permesso il protrarsi di questa situazione di disagio per molte famiglie di Vercelli.

I residenti del luogo meritano risposte che attendono da tempo e che ancora dopo mesi non hanno ricevuto: intanto ci fanno sapere che sono pronti a portare il caso in Procura se le cose non cambieranno.

Sean Sacco (M5S Piemonte), Michelangelo Catricalà, consigliere comunale

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore