Arte e Cultura - 14 ottobre 2021, 11:00

Museo Leone, prorogata la mostra sui Fratelli Garrone

Lettere, documenti e foto che raccontano la meglio gioventù vercellese durante gli anni della prima guerra mondiale

Museo Leone, prorogata la mostra sui Fratelli Garrone

Sarà prorogata fino al 23 dicembre la mostra “Da una vita all’altra. I fratelli Garrone: eredità di affetti e di ideali dal fronte della Grande Guerra”, allestita nel Corridoio delle Cinquecentine del Museo Leone di Vercelli. La chiusura era in programma per il 31 ottobre ma visto il successo di pubblico il presidente Gianni Mentigazzi e il direttore Luca Brusotto hanno deciso per il prolungamento che, visto anche l’allentamento delle misure anti covid, che hanno riportato la capienza dei Musei al 100%, permetterà di esaudire le numerose richieste, soprattutto da parte dei gruppi organizzati. Saranno comunque fatte osservare tutte le norme di legge a partire dalla necessità di indossare la mascherina e presentarsi muniti di green pass.

    La mostra, per la cura di Chiara Maraghini Garrone e Luca Brusotto, racconta la storia della “meglio gioventù” degli anni difficili del primo conflitto mondiale, attraverso le immagini e i cimeli di Giuseppe ed Eugenio Garrone, eroici ragazzi vercellesi capaci di emozionare e trasformarsi in strumento di riflessione, di presa di coscienza storica e di impegno per tutti e soprattutto per le generazioni future. 

    Quasi trenta pannelli che uniscono testi e immagini, tratti da quel grande racconto di vita che è l’epistolario dei fratelli Garrone e che, incontrando i documenti e i cimeli della Grande Guerra, hanno dato vita anche ad un catalogo di mostra pubblicato da Edizioni Effedì che raccoglie anche un saggio introduttivo di Paolo Borgna, che dei due eroi vercellesi è uno dei massimi studiosi e la prefazione del Ministro per le Politiche Giovanili onorevole Fabiana Dadone.

    La mostra è la punta di un iceberg più vasto e profondo, costituito dalle oltre 3700 lettere che i due fratelli inviarono dal fronte alla famiglia e che, corredate da fotografie e altri documenti, sono al centro di un progetto in fase di conclusione e che sta portando, con l’aiuto della Soprintendenza ai Beni Archivistici del Piemonte, alla catalogazione e alla messa in rete di questo tesoro di carte, proveniente in parte dai due rami familiari eredi dei fratelli, i Galante Garrone e i Maraghini Garrone e in parte dalla sezione cittadina dell’Associazione Nazionale Alpini. Carte e documenti che saranno d’ora in avanti a disposizione degli studiosi e degli appassionati di tutto il mondo in forma elettronica e fisicamente custoditi presso il Museo Leone. Sia il progetto di catalogazione sia la mostra devono la loro realizzazione al sostegno della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Struttura di missione per la valorizzazione degli anniversari nazionali e della dimensione partecipativa delle nuove generazioni.

 

La mostra sarà visitabile fino al 23 dicembre nei seguenti orari: da martedì a venerdì: 15 – 17.30, sabato e domenica: 10 – 12 e 15 – 18 a ingresso libero e con green pass obbligatorio.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

SU