/ Cronaca

Cronaca | 13 ottobre 2021, 12:00

Fugge all'alt dei carabinieri: inseguimento ad alta velocità da Vercelli a Castell'Apertole

Arrestato un 22enne che ha anche rischiato di investire un militare del posto di blocco

Fugge all'alt dei carabinieri: inseguimento ad alta velocità da Vercelli a Castell'Apertole

Ha bruciato l'alt dei carabinieri e si è è dato alla fuga a folle velocità, lasciando la città per imboccare poi la Strada delle Grange cercando di far perdere le proprie tracce.

Nella notte tra martedì e mercoledì, i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Vercelli hanno arrestato un 22enne per resistenza a pubblico e porto di oggetti atti ad offendere. 

Verso l'1.15 una pattuglia della sezione radiomobile della Compagnia di Vercelli stava eseguendo un controllo alla circolazione stradale in corso Matteotti, quando ha notato una spider procedere a velocità sostenuta. Il conducente, tuttavia, anziché arrestare la marcia all'alt delle forze dell'ordine, ha accelerato e solo grazie a una fulminea mossa, il militare è riuscito a evitare di essere investito. I carabinieri si sono messi all'inseguimento della vettura, in fuga  a forte velocità, riuscendo a raggiungerla solo a Castell’Apertole in comune di Livorno Ferraris, dove il fuggiasco, affrontando una curva, ha perso il controllo del mezzo bloccandosi solo sul margine della careggiata, fortunatamente illeso. I carabinieri a quel punto, hanno potuto identificarlo: per il giovane, un 22enne di Brusasco che era in compagnia di due ragazze di Chivasso. Sul veicolo i carabinieri rinvenivano anche un coltello di grosse dimensioni, sequestrato dai militari. 

Il 22enne è stato accompagnato in caserma e al termine degli accertamenti è stato dichiarato in stato di arresto per resistenza a pubblico ufficiale e deferito in stato di libertà per possesso di oggetti atti ad offendere. 

Nella mattinata il processo per direttissima avanti al Tribunale di Vercelli che disponeva la convalida dell’arresto e l’obbligo di firma quotidiana.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore